Sorpresa a Valencia: Prandelli si è dimesso

244

30 Dicembre 2016 giornata shock: Cesare Prandelli si è dimesso e Voro è il nuovo allenatore del Valencia. 

Le dimissioni

Cesare Prandelli non è più l’allenatore del Valencia, solo tre mesi dopo il suo arrivo. La notizia è inaspettata, sorprendente e ha gelato i tifosi e i giocatori della squadra che che hanno ricevuto la notizia tramite la stampa. Due le motivazioni delle dimissioni irrevocabili: anzitutto Peter Lim non ha realizzato le promesse. Prandelli aveva chiesto 4-5 giocatori di meno di 25 anni per rinforzare la squadra in vista della sfida contro il Celta Vigo e per risalire la classifica in campionato.

Cesare inoltre segnala che non sente la fiducia sufficiente sulla sua figura. Le dimissioni sono state comunicate subito dopo l’incontro con Anil Murthy, consigliere esecutivo del Valencia CF. Oggi il tecnico italiano ha diretto l’allenamento a Paterna e subito dopo il fulmine a ciel sereno.

La visita de El Guaje David Villa

Il Valencia non scende nella Segunda División dal campionato 1985-86. El Guaje, David Villa, ha visitato il campo d’allenamento il 27 dicembre, qualche giorno fa e ha lasciato queste dichiarazioni a Superdeporte: “”La afición tiene que confiar aunque sé que en esta situación es difícil de decir nada a la gente, pero siempre he dicho lo mismo en toda mi carrera, las evaluaciones son al final, ahora es momento de estar con el equipo y si al final no es buen año hay que expresarse, pero todavía queda mucho por delante, hay que revertir la situación y obviamente debe ser entre todos. Por la experiencia que tengo se que la afición va a dar eso, porque lo he vivido aquí, he vivido una situación difícil y la afición siempre estuvo con el equipo”
“I tifosi devono confidare anche se questa situazione è difficile da spiegare alla gente. Sempre ho detto lo stesso in tutta la mia carriera, le valutazioni si fanno alla fine. Ora è il momento di stare con la squadra e se alla fine non sarà un anno buono ci si potrà esprimere, però manca ancora tanta strada davanti, bisogna ribaltare la situazione e questo percorso deve essere condiviso da tutti. Per l’esperienza che ho, so che i tifosi lo faranno perché ho vissuto qui, eravamo in una situazione difficile e i tifosi hanno sempre appoggiato la squadra”.

I responsabili sono la gestione di Peter Lim e Layhoon, ma anche il tecnico italiano ha fatto tanti errori e non è riuscito a migliorare la squadra dal momento del suo arrivo. Torna Voro, il tecnico che ha già fatto tremare l’Atletico Madrid ed è abituato alle situazioni d’emergenza.
Valiente? Cobarde?” Questo è il dubbio amletico dei tifosi. Per Pascual Calabuig, Cesare ha fatto bene e ha creato una strada per denunciare gli errori della proprietà del Valencia. Nella giornata di oggi si era dimesso anche il direttore sportivo, Suso García Pitarch, ma Layhoon ha rifiutato le dimissioni perché serve la continuità per portare avanti il Valencia.

Due comunicati stampa della società che vi mostriamo qui e qui comunicati sull’account ufficiale del Valencia Cf.
Nel secondo la società appoggia la rosa dei giocatori per risalire la classifica. Nel primo si informa che il direttore sportivo Suso Pitarch e Anil Murthy, consigliere esecutivo, si presenteranno nella conferenza stampa di domani 31 dicembre 2016.

A giugno sapremo se il 2017 sarà stato un anno da ricordare per il Valencia, ma le dimissioni di Prandelli possono risollevare una squadra unendo ancor più lo spogliatoio o portare maggiore instabilità in un ambiente già esplosivo e fragile. Forza Voro, Amunt Valencia!

[Immagine: David Gonzalez – As]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.