SEMrush

Blog Milan

Milan Blog, è la la pagina dedicata di TifoBlog che raccoglie tutti i tifoarticoli sui diavoli rossoneri e cerca di trasmettervi l’emozione del tifoso Milanista. Contattaci e partecipa anche tu.

Il Milan Football e Cricket Club nasce nel 16 dicembre 1899 presso la Fiaschetteria Toscana di via Berchet, per volontà di Herbert Kilpin. Un anno dopo il Diavolo è già campione d’Italia. A seguire due scudetti consecutivi (1906/1907), la Coppa Federale (1916). Poi nel 1919 il cambio nome in Milan Football Club e l’esordio allo stadio San Siro. Nel dopoguerra la squadra diventò Associazione Calcio Milan e vinse il quarto trofeo nel 1950-51 più la Coppa Latina dello stesso anno. E’ il momento dell’esplosione del trio svedese Gre-No-Li, ovvero Gren -Nordhal-Liedholm e della base italiana Buffon, Maldini, Bagnoli e Schiaffino. Il Millan vince la Coppa Latina nel ’56 e altri tre campionati.

Con l’era Nereo Rocco il Milan vince l’ottavo scudetto con protagonista Altafini e il capitano Gianni Rivera. Inizia l’epopea europea del Diavolo rossonero. 1962: con la vittoria contro il Benfica per 2-1 allo stadio di Wembley (marcatore Altafini con una doppietta). In questi anni, sotto la presidenza Rizzoli, il club vinse 4 scudetti, una Coppa Latina, una Coppa dei Campioni e fu edificato il centro di allenamento di Milanello.

Dopo quattro anni nel 1966/67 il Milan vinse la Coppa Italia a cui seguirono, complice il ritorno di Rocco, la Coppa delle Coppe nel 1967/68 e il nono scudetto. Nel 1969 Rocco ancora vinse la sua seconda Coppa dei Campioni e questa volta ai danni dell’Ajax di RInus Michels e Johan Cruijff. E dall’Europa i successi presto si estero al mondo, con la Coppa Intercontinentale contro l’Estudiantes.

Gli anni Settanta vedono pochi successi: Coppa italia ’72 e ’73 e la seconda Coppa delle Coppe. A fine del decennio arriva lo scudetto della prima e unica stella: è l’ex rossonero Liedholm con il decimo scudetto. Segue poi la prima retrocessione nel 1980 per lo scandalo Totonero del presidente Colombo. L’anno dopo il Diavolo vince la Mitropa Cup e torna in A. L’anno dopo la squadra meneghina retrocede nuovamente per meriti sportivi. La stagione successiva arrivò in A e poi iniziò il ciclo trentennale del presidente Berlusconi.

Prima il Milan di Sacchi degli olandesi Gullit-Van Basten- Rijkaard che nel 1989 e 90 vinse due Coppe dei Campioni, due Supercoppe europee e due Coppe Intercontinentali più la Supercoppa Italiana nel 1989.

Poi a seguire il Milan di Fabio Capello con i quattro scudetti consecutivi (1991 – 1995), più la Supercoppa italiana del 1993 e la Coppa dei Campioni 1994, con la celebre vittoria per 4-0 contro il Barcellona di Cruijff.

Il terzo ciclo di Berlsconi fu il mini-ciclo di Alberto Zaccheroni. Con lo scudetto 1998-99.

Il quarto ciclo memorabile fu quello di Carlo Ancelotti. Prima la Champions del 2003 contro la Juventus in finale. Poi la Coppa Italia dello stesso anno contro la Roma. L’anno dopo lo scudetto 2003-04 e la Supercoppa europea contro il Porto di Mourinho.

Dopo lo scandalo Calciopoli, con penalizzazione in serie A di -7 punti in partenza, Ancelotti si prese la rivincita contro il Liverpool per la finale persa a Instanbul nel 2005. Fu l’ultima Champions Milan: finale di Atene 2007. L’anno dopo, il Milan vinse la Supercoppa Europea contro il Siviglia e il suo primo Campionato del Mondo per club (ex Coppa Intercontinentale).

Il quinto ciclo vincente iniziò con l’era di Massimiliano Allegri. Al primo anno, nel 2011, vinse lo scudetto e subito dopo la Supercoppa Italiana. Poi nel 2014 l’allenatore toscano fu sollevato dall’incarico. Da quel momento in poi con gli avvicendamenti di ex campioni come Seedorf, Inzaghi, Brocchi, e il breve periodo del non rossonero Mihajlovic il Milan non ha più vinto nulla. Tranne con la parentesi Montella e la Supercoppa Italiana  Doha contro la Juventus nel 2016. Ultimo trofeo dell’era Berlusconi.

Poi l’imprenditore milanese ha venduto la società al cinese Li Yonghon e da qui l’affido della stessa al fondo di garanzia Elliot che ancora oggi controlla il club. Dal 2016 a oggi i rossoneri non hanno più vinto nulla e hanno rinunciato nell’estate del 2019 alla partecipazione in Europa League per il fair play finanziario.

Tutto il calcio mercato 2019 del Milan
Seguici su Facebook

Cuore Rossonero : Lapadula scalpita, Bacca stenta e Montella pensa a un grande azzardo...

                L'Aeroplanino ha un unico dubbio in vista della stracittadina tra Milan e Inter del 20 novembre: chi schierare titolare tra uno spento Bacca e un esplosivo Lapadula? Finalmente ci siamo, manca poco più di una settimana all'appuntamento più atteso per le squadre di Milano: IL DERBY DELLA MADONNINA! Per una manciata di giorni non assisteremo alla prima stracittadina ''targata Cina''; la chiusura...
sipario

Le pagelle rossonere: Lapadula esplode e Suso è imprevedibile

Le pagelle rossonere: Ladapula esplode, Suso è imprevedibile e Montella vince le sue scommesse. Calo Locatelli e Kucka - bentornato Mati Fernandez C'era grande attesa per una prova di continuità della squadra di Montella, buon avvio del Milan che pero' deve ancora migliorare nel chiudere le partite. Troppi rischi sull' 1 a 0 , da apprezzare pero' il cambio di mentalità...

Cuore rossonero: Lapadula di tacco e il Milan passa a Palermo

Con un gol di tacco di Lapadula, primo splendido gol in Serie A e con la maglia del Milan per l'ex Pescara, il Milan riesce a passare anche al Barbera. Un primo tempo molto ben giocato dalla squadra di Montella, infatti, per i primi venti minuti, il Palermo non è uscito dalla propria metà campo, avendo un buon giro palla...
sipario

Le pagelle rossonere – Milan-Pescara: brillan sempre Gigio, Jack e Suso

Le pagelle rossonere di Milan-Pescara. Sempre e sole quei tre illuminano la scena! Gran delusione Bacca e Sosa. Pasalic, chi l'avrebbe mai detto. MILAN - PESCARA Il Milan batte il Pescara per 1-0 grazie a una punizione lenta e velenosa di Bonaventura, che risulterà- poi il ,miglior in campo. Partita non contro una squadra materasso, perché gli abruzzesi dell'applauditissimo ex Oddo...
sipario

Genoa Milan, le pagelle rossonere: senza Suso ma dove vai?

Senza Suso Genoa - Milan termina 3-0. Terza sconfitta in casa rossonera. Nulla di grave, anche se la prestazione contro i liguri è sembrata piuttosto pallida. Vediamo i giudizi dei ragazzi con le tremende pagelle rossonere Genoa - Milan si conclude tristemente per 3-0: Ninkovic, autorete di Kucka e Pavoletti. Pochi rossoneri vanno sopra la sufficienza e la delusione parziale...

Genoa – Milan: i rossoneri in un profondo rosso

Genoa - Milan finisce con il passivo pesante di 3-0 e i rossoneri di Montella passano dal sogno di una sera in testa alla magra realtà di un quarto posto DAL SOGNO AL PROFONDO ROSSO I tifosi rossoneri sotto sotto magari ci speravano anche: Milan lì da solo per una notte a 23 punti e invece si svegliano stamattina e si...
sipario

Le pagelle rossonere: Donnarumma e Locatelli eredità famose

Le pagelle rossonere: il Milan ha vinto ieri sera sotto i suoi stessi riflettori contro la plenipotenziaria Juventus. Andiamo a vedere fra soprannomi ed etichette i migliori del rush rossonero. LE PAGELLE ROSSONERE  DONNARUMMA: voto 7,5 -  se il Milan subisce pochissimi goal da un po' di tempo è merito sopratutto di chi giostra fra i suoi pali. Stiamo parlando di un...

Milan-Juve: la dignità d’esser il Milan, ci basta solo quello

Milan - Juventus termina 1-0 con un goal capolavoro di Locatelli. Resta poi l'onere fastidioso di un goal regolare annullato alla Juve, ma i rossoneri si sono ripresi la dignità che avevano perso negli anni precedenti grazie alla conduzione di Montella. MILAN-JUVE 1-0: LA DIGNITA' RITROVATA SU UN AEREOPLANO Termina, diciamocelo pure, a sorpresa 1-0 la sfida di San Siro fra...

Il punto sul Milan – ci siamo e non ci siamo

Il punto sul Milan: ci siamo e non ci siamo - così dicono i tifosi rossoneri dopo Fiorentina-Milan. Una prestazione al Franchi che si può considerare sufficiente. I tifosi non si esaltano né si deprimono. Sanno che di cammino ancora ce n'è. Il punto sul Milan. Possiamo dire da milanisti doc che ci siamo e non ci siamo. In che senso?...
sipario

Le pagelle rossonere di Fiorentina-Milan

Termina 0-0 il posticipo domenicale del "Franchi", tra Fiorentina e Milan: vediamo com'è stato il match disputato dal Milan, grazie alle pagelle rossonere del nostro opinionista. Donnarumma: Viene chiamato seriamente in causa una volta sola, risponde presente con una gran parata e intuisce il rigore che finisce sul palo. Sarebbe 8, ma stasera aveva i piedi simil Montolivo, solo rinvii...