SuperLega Volley 6a giornata: Scivolone di Civitanova, Modena la raggiunge

231

SuperLega Volley – sesta giornata: Civitanova perde terreno e Modena ne approfitta. Vincono Trento e Verona. Latina, invece, si prende l’onere del fanalino di coda

SuperLega Volley, 6a giornata: Civitanova cede un punto contro Padova. I veneti partono col piede giusto 25-22, ma poi devono far fronte alla squadra di casa, che pareggia sull’1-1, blackout nel terzo tempo per la Lube che raccoglie solo 15 punti, arrivando così al tie break, vincendolo (22-25; 25-20; 15-25; 25-14; 15-8).

Primo big match tra Trento e Perugia e davanti a 4.000 tifosi vincono per 3-1 i trentini (18-25; 25-21; 25-19; 25-21). Parte forte Perugia che vince il primo set senza problemi, però ,poi nel secondo set si sveglia Trento, che vince gli altri due e si porta a casa il primo big match. Si avvicina così alle zone calde della classifica. Trento giovedì ha poi recuperato la partita della quarta giornata contro Latina, vincendo per 3-0 (25-22; 25-16; 25-14) e sarà da segnalare la grandissima partita del giovane Gabriele Nelli.
Latina ha poi perso anche a Monza per 3-0 (25-20; 25-21; 25-22) ed è sempre più fanalino di coda. Per i latini arriva la sesta sconfitta di fila, ancora a secco nelle vittorie, mentre Monza si avvicina alle zone calde della classifica. La società pontina ha deciso di esonerare Vincenzo Nacci alla guida della squadra.
Tutto facile anche per Modena che batte per 3-0 Vibo Valentia (25-22; 25-21; 25-18) e raggiunge Civitanova al primo posto in classifica.

Vince anche Verona contro la piccola Sora per 3-1 (25-19; 25-16; 23-25, 28-26).  Soffrono un po’ i veronesi ne terzo set, regalandolo agli avversari e anche nel quarto set, vincendolo solo ai vantaggi. Con questa vittoria Verona si porta alle spalle di Civitanova e Modena in classifica.

Una menzione speciale merita la partita tra Piacenza e Milano finita 3-2 (40-38 26-28 29-31 25-22 15-13), con il primo set che si è concluso addirittura dopo 78 punti giocati (40-38 in favore del team emiliano). Il punteggio di questo parziale d’apertura è il nono più elevato di sempre nella storia del Campionato con i set a 25. Il record resta quello di Cuneo e Treviso, che nel gennaio 2002 diedero vita a un pazzesco 54-52. Il match è durato 2 ore e 31 minuti (151 minuti) Si tratta della partita più lunga nella breve storia della SuperLega, il secondo in assoluto per quanto riguarda il massimo campionato italiano: al comando resistono i 160 minuti di Sisley Belluno vs Tonno Callipo Vibo Valentia, terza giornata della Serie A1 2011.Nel complesso sono stati segnati 267 punti (135 da Piacenza, 132 da Milano). È lo score più alto di sempre per la SuperLega, il terzo in assoluto per quanto riguarda il massimo campionato. Al primo posto ci sono sempre i 275 punti dell’interminabile Noicom Brebanca Cuneo vs Sisley Treviso della Serie A1 2001, quando il secondo set si spinse fino a un incredibile 52-54.

Ramos Hernandez ha segnato 39 punti per la sua Piacenza, diventando così il secondo miglior marcatore di sempre in una singola partita del massimo campionato italiano (SuperLega o Serie A1). Al primo posto resistono le 42 marcature messe a segno da Giulio Sabbi in Calzedonia Verona vs Exprivia Molfetta, 2-3 nella Serie A1 2013.

Al termine della sesta giornata la classifica di questo:

Azimut Modena, Lube Civitanova 17
Calzedonia Verona 15
Diatec Trentino 14
Sir Conad Perugia 13
Gi Group Monza 10
Kioene Padova 8
Bunge Ravenna 7
LPR Piacenza 6
Revivre Milano 5
Exprivia Molfetta 4
Tonno Callipo Vibo Valentia, Biosì Indexa Sora 3
Volley Latina 1

Si torna in campo già martedì 1 novembre per la settima giornata di campionato.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.