Tema Udinese: Normalmente svogliati

206

 L’Udinese non svolge al meglio il suo tema, capitolando a Firenze, lasciando ai posteri la sensazione di una squadra svogliata.

Che l’Udinese non abbia velleità di classifica lo abbiamo capito. Che però ad ogni partita corrisponda noia e miseria, questo ci fa venire la malinconia. Nella sconfitta di Firenze non ci sono alibi, la squadra ha mostrato svogliatezza. Il tema della partita ha visto la solita storia nota ai più. Avversaria all’attacco del fortino e friulani in difesa. Non è un caso che alla voce Hallfredsson troviamo una sfilza di falli da far impallidire Montero.

Come buona logica, squadra che si chiude, prima o poi becca gol. E ne è bastato uno per chiudere la voglia di punto alla compagine friulana.

Oggi mettiamo sul banco degli imputati anche il buon Gigi Del Neri. Il tecnico di Aquileia, nelle settimane scorse si era riproposto di far giocare i meritevoli. Al momento tale parola è stata smentita. Seconde linee (che tali potrebbero anche non essere), quali Perica o Ewandro, sono ancora ferme ai box. E ancora non si capisce perchè si continui a puntare su Zapata, che aumenta l’indolenza turno dopo turno. Il colombiano non solo non vede più la porta, ma fa ben poco per cercarla. Tra quattro mesi andrà via, e si saranno persi due anni con questo calciatore.

Involuzione. Questa è la parola giusta da attribuire a questa squadra. Non sul piano tecnico, ma su quello mentale. La pancia è ormai piena e contro squadre che lottano per qualcosa, difficilmente uscirà qualcosa. Anche il buon Cyril Thereau ha ricominciato ad assopirsi, con un’altalena di prestazioni che fanno cadere le braccia.

Il ritorno di Zico e l’avvicinamento alla partita col Sassuolo.

Intanto, domenica ad Udine, ritorna Zico. Grande emozione in Friuli, che riabbraccerà il Galinho. Tale ritorno per la partita di domenica potrebbe non essere casuale, ma al momento preferiamo non sbilanciarci. La cosa certa è che la squadra attuale abbia un sussulto d’orgoglio per non deludere le aspettative del brasiliano. Per l’occasione, Del Neri potrebbe attuare qualche cambiamento, sperando basti a mostrare un buon gioco.

La partita vedrà comunque la triste realtà della squadra friulana nei confronti di quella emiliana. Un risalto nel vedere una squadra con 0 italiana contro un’altra con minimo 8/9 italiani titolari. Anche alla luce di ciò, non si può pretendere nulla. La mancanza di identità nazionale passa anche per questo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.