Fantacalcio, la top 11 della stagione 2019/20

14

Terminato il campionato e di conseguenza il fantacalcio, proviamo finalmente a stilare qualche verdetto. In questo articolo proponiamo la nostra top 11, senza soffermarsi su voti, statistiche e bonus, ma in generale su quanto hanno reso i calciatori anche in base alle aspettative iniziali (e quindi anche in base al prezzo d’acquisto all’asta). Come modulo utilizzeremo il consueto 3-4-3, modulo ‘’fantacalcistico’’ per eccellenza. Inoltre, faremo anche una panchina composta da un portiere, due difensori, due centrocampisti e due attaccanti.

Portiere

È forse la scelta più difficile. Considerando però rendimento e aspettative, vince Musso dell’Udinese. Mediamente all’asta è stato pagato pochi crediti, ed è stato preso generalmente come una discreta alternativa. Invece, voti importanti e ben 14 reti inviolate: nessuno come lui in questa Serie A! Unica pecca, forse, quando prese ben 7 gol dall’Atalanta nel girone d’andata.

Difensori

Il migliore difensore del fantacalcio, senza dubbio, è stato Robin Gosens. 9 gol e tantissimi assist: numeri da centrocampista. Non molto peggio di lui un altro big del fantacalcio appena terminato, vale a dire Theo Hernandez: bonus a valanga e ottimi voti le poche volte che non ha portato bonus. Infine, Faraoni dell’Hellas Verona. Ben 5 reti per lui e qualche assist, è stato uno dei giocatori cardine del sorprendente Verona di Juric.

Centrocampisti

Forse quello del centrocampo è il reparto con più sorprese. Su tutti, Marco Mancosu: 14 reti realizzate (quasi tutte su rigore). Da molti preso a 1 all’asta, è stato uno degli affari più clamorosi di questa stagione di fantacalcio. Peccato solo per 2 rigori sbagliati post lockdown. Altra sorpresa, anche se meno di Mancosu, Dejan Kulusevski: per il futuro bianconero un’annata strepitosa, condita da 10 gol e 9 assist. Nettamente il miglior giocatore del Parma di D’Aversa. Gli altri due centrocampisti sono big ormai da anni. Per entrambi rendimento simili: qualche gol (anche se non troppi) ma in doppia cifra abbondante con gli assist. Stiamo parlando del Papu Gomez e di Luis Alberto.

Attaccanti

Non ci sono discussioni su Ciro Immobile. Gli si può dire tutto: tanti rigori, è vero, ma innanzitutto bisogna saperli trasformare, e poi i rigori sono gol che valgono come altri, sia nel calcio che nel fantacalcio. Un rigore segnato è sempre un +3. Ovviamente, dopo di lui, Cristiano Ronaldo, con 31 reti. Infine, per l’ultimo posto nella top 11 si potrebbero scegliere diversi nomi: Lukaku, Caputo, Muriel… Scegliamo, però, Joao Pedro. Se per gente come Lukaku, Caputo e Muriel la doppia cifra era altamente pronosticabile, per Joao Pedro non lo era assolutamente. Ha segnato probabilmente il doppio dei gol che il più ottimista dei fantallenatori si potesse aspettare. 18 gol per uno che all’asta, in un fantacalcio a 8 o 10, sarà stato pagato tra i 15 e i 20/25 fantamilioni massimo, è qualcosa di assolutamente eccezionale.

La panchina

Fino a prima di lockdown non sarebbe stato folle inserire Marco Silvestri. Nel post lockdown, però, il suo rendimento è calato. Stesso discorso per Strakosha, portiere della Lazio. Post lockdown è nettamente migliorato, invece, il rendimento di Gianluigi Donnarumma, che alla terzultima e alla penultima ha addirittura parato 2 rigori. Perciò sì, scegliamo il portiere rossonero.

In difesa è giusto inserire Stefan de Vrij. 4 gol per un centrale non sono pochi, ma quello che stupisce di più è la media voto pre lockdown, con voti sempre oscillanti tra il 6,5 e il 7. Inoltre, pochissimi cartellini. Come secondo panchinaro, per la difesa scegliamo Mimmo Criscito. 8 gol su rigore per lui, non lo mettiamo tra i titolari perché pesano 2 rigori sbagliati. Avesse segnato anche solo uno tra questi 2 rigori, sarebbe stato il terzo titolare dopo Gosens e Hernandez.

A centrocampo, come primo panchinaro inseriamo un’altra grande sorpresa in stile Mancosu, vale a dire Matteo Pessina. Per lui, ben 7 gol. Come secondo panchinaro, grazie ad un illegale post lockdown, Hakan Cahlanoglu.

In attacco, indubbiamente Ciccio Caputo, autore di ben 21 marcature. Ci si poteva aspettare magari una quindicina di gol ad inizio anno, ma più di 20 era difficile da prevedere. È sicuramente andato oltre le aspettative. Come secondo panchinaro, infine, si potrebbero scegliere Muriel o Duvàn Zapata, ma è giusto anche premiare la continuità. Per questo motivo, scegliamo Romelu Lukaku. Per lui 23 gol (non era affatto scontato ad inizio anno), qualche assist e spesso ottimi voti anche in assenza di bonus.

Top 11 fantacalcio

Ricapitoliamo, dunque, la top 11, Modulo 3-4-3: Musso; Gosens, Theo Hernandez, Faraoni; Mancosu, Kulusevski, Gomez, Luis Alberto; Immobile, Ronaldo, Joao Pedro. In panchina: G.Donnarumma; De Vrij, Criscito; Pessina, Cahlanoglu; Caputo, Lukaku.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.