È un grande Genoa!

270
Alzi la mano chi ieri si è effettivamente reso conto dell’inferiorità numerica del Genoa. Nessuno, vero? La partita non è cambiata nonostante la frettolosa decisione di Pairetto che costringerà mister Juric a fare a meno di Lazovic anche nel derby. Già, perché il grifone non è riuscito ad impegnare Skorupski principalmente per l’assenza di attaccanti (Simeone è rimasto troppo isolato) ma ha mantenuto il controllo del gioco per l’intero match non consentendo mai all’Empoli di tirare in porta. Non è un caso se il Genoa ha la miglior difesa della serie A insieme alla Juventus (solo 5 goal subiti) e il merito non va attribuito soltanto alla retroguardia composta da un portiere fenomenale come Perin (ieri in pratica spettatore e premiato per le 100 presenze in maglia rossoblu), da un leader come Burdisso e da un giovane troppo sottovalutato come Izzo. Nel ruolo di terzo a sinistra Orban ha ormai conquistato i galloni del titolare anche se talvolta compie disattenzioni e troppo spesso si lascia andare a falli inutili. Se il grifone incassa poche reti è anche dovuto all’atteggiamento e al modo di giocare che rispecchia a pieno il carattere del suo allenatore che ieri, protestando (a suo modo) con l’arbitro, si è conquistato la standing ovation di tutto lo stadio.
Questo è un grande Genoa, un Genoa che nonostante gli errori arbitrali e gli infortuni è all’ottavo posto con una gara in meno rispetto alle altre e convive con la convinzione di avere ottenuto meno di quanto meritato. Ma l’atteggiamento è quello giusto e il grifone saprà rifarsi. Dovrà farlo a partire da sabato, quando al Ferraris andrà in scena il derby, una partita, inutile girarci intorno, diversa dalle altre. E allora forza grifone! Vola alto e diventa sempre più grande

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.