Urlo di Gameiro: Amunt!

468
Kevin Gameiro - Valencia
Kevin Gameiro - autore del goal contro il Celtic Glasgow

A San Sebastián il Valencia si sblocca e trova la prima vittoria in campionato

Real Sociedad-Valencia

La trasferta basca era tutt’altro che facile. Di fronte c’era la Real Sociedad, una squadra che ha ambizioni di classifica e vuole confermare l’ottima annata dell’anno scorso. Marcelino sceglie il solito 4-4-2 con Neto in porta, cambi in difesa con Toni Lato e Ruben Vezo come terzini, Diakhaby e Gabriel Paulista centrali. A centrocampo torna Dani Parejo con Kondogbia, sulle ali Cheryshev e Soler, davanti i nuovi acquisti Batshuayi e Gameiro. Ed è proprio Gameiro che al 36° realizza il goal del vantaggio del Valencia, sfruttando un bel cross di Cheryshev dalla sinistra ben imbeccato da Capitan Parejo.

Nella ripresa entrano Guedes, Rodrigo Moreno e Coquelin, il Valencia agisce di contropiede rendendosi pericoloso. La ciliegina sulla torta è il rigore parato dal portiere brasiliano Neto a Willian José per la prima vittoria in trasferta del Valencia in questa stagione.

Manchester United-Valencia: la Champions

Gli uomini di Marcelino si presentano all’Old Trafford con gli sfavori del pronostico. La squadra di Mourinho vuole la prima vittoria in casa. I red devils hanno campioni del calibro di Paul Pogba, Fellaini, Lukaku, che hanno fatto benissimo al Mondiale in Russia. A completare il trio d’attacco con il belga, Alexis Sanchez, ex Udinese, Arsenal e Barcellona e Rashford, punto di forza della Nazionale inglese che non ha sfigurato nella World Cup 2018.

Il Valencia cambia 6 uomini rispetto alla trasferta di San Sebastián. Gayá e Piccini tornano come titolari sulla parte sinistra e destra della difesa, rientra Garay in mezzo. Sulle fasce a centrocampo Marcelino sceglie la stella Guedes e il muscolare Coquelin. Davanti Rodrigo Moreno è affiancato da Batshuayi con un attacco molto muscolare. La partita è nervosa, ricca di gialli, con una lieve supremazia degli inglesi e diverse occasioni per portarsi in vantaggio. Ma il Valencia si difende con ordine e riesce a portare a casa il risultato di 0-0 che gli dà qualche speranza di qualificazione in vista della doppia sfida contro gli Young Boys, ultimi in classifica dopo la sconfitta a Torino contro la Juventus per 3-0.
Classifica di Champions girone H: Juventus (6 punti), Manchester United (4 punti), Valencia (1 punto), Young Boys (0 punti). Le sfide contro gli svizzeri vanno vinte entrambe per avere chances di andare agli ottavi di Champions.

Valencia-Barcellona

La settimana ricca di impegni del Valencia termina con l’impegno del Mestalla di domenica sera. Davanti c’è il Barcellona primo in classifica nella Liga, appaiato con il Real Madrid, che ha surclassato il Tottenham in casa grazie a una prestazione superba di Lionel Messi, arricchita dai veli di Luis Suárez. Rakitic e Coutinho son gli autori degli altri due goal per il 4-2 degli uomini di Valverde. In campionato però nonostante il primo posto, i blaugrana arrivano al Mestalla da un 1-1 con l’Athletic Bilbao in cui Valverde ha dato spazio a Semedo, Lenglet e Sergi Roberto meno utilizzati in questa prima parte di campionato. Davanti la soluzione Suarez-Coutinho-Dembele non ha convinto pienamente e ci sono voluti Lionel Messi e l’ex valenciano Munir El Haddadi per pareggiare il vantaggio iniziale di De Marcos.
Il match del Mestalla è da sempre da tripla con grandi ricordi e la rivalità è molto sentita da una parte dei tifosi valenciani che spesso si mischia a rivendicazioni politiche di alterità.
Marcelino dovrà trovare il miglior Valencia per battere i blaugrana e si affida a un super Kondogbia che sta tornando a dettare legge a centrocampo.

La partita di Champions vista da Sportmediaset

Valencia: 5 X per Marcelino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.