Valencia-Espanyol: “No es un momento para bromas” Amuntmesquemai!

270

Non è un momento per gli scherzi dichiara l’ex DS mentre il Valencia torna in campo contro l’Espanyol

Il Valencia: le dimissioni di Pitarch e l’eliminazione della Coppa del Rey

Dopo l’eliminazione dalla Coppa del Rey, il Valencia ritorna in campo oggi alle 12 contro l’Espanyol.

L’ex Direttore Sportivo García Pitarch nella conferenza stampa ha detto che il suo errore è stato non andare via prima. Ha accusato Damià Vidagany di avere obbligato la Curva Nord a stare fuori dal Mestalla e quindi ad allontanare i tifosi dai giocatori. Molti giornalisti chiedono le dimissioni di Peter Lim. L’ex Ds diceTenéis que ser generosos con el club, Layhoon, Peter Lim, Kim y los jugadores. No es un momento para bromas. Es un momento para que la gente esté con su club, con su bandera, su escudo y sus jugadores. Intentad sacar del debate a Peter Lim, a Layhoon, a Voro y no culpabilizar a los jugadores. Esto no está para bromas.

“Dovete essere generosi con il club, Layhoon, Peter Lim e i giocatori. Non è un momento per scherzare. E’ un momento in cui la gente deve appoggiare il club, la sua bandiera, il suo stemma e i suoi giocatori. Bisogna togliere dal dibattito Peter Lim, Layhoon, Voro e non colpevolizzare i giocatori. Non è un momento per scherzare”.

Contro il Celta Vigo, Voro ha provato una formazione sperimentale: Jaume in porta, difesa a 4 con Joao Cancelo, Javi Jiménez, Mangala, Toni Lato. A centrocampo Fede Cartabia, Carlos Soler, Medrán. Davanti Rafa Mir, Bakkali dietro ad Araújo.

L’attaccante del Valencia è tornato al goal, pareggiando il vantaggio di Giuseppe Rossi. Ma non è bastato perché ancora una volta nei minuti di recupero, il Celta Vigo ha segnato la rete del 2-1. I migliori in campo – sono stati i giovani Toni Lato, ancora una volta Soler e SitoFede Cartabia è tornato disponibile “Si juego, lo voy a dar todo por el Valencia”, se giocherò darò il massimo per il Valencia dichiara a Superdeporte.
E’ partita la campagna “#amuntmesquemai” per animare il Valencia. Famosi calciatori hanno partecipato alla campagna come Ayala, David Villa e Mista.

L’Espanyol: storia e attualità

Fronte Espanyol: ecco la seconda squadra di Barcellona. Ci gioca l’ex Valencia Piatti, autore in questa stagione di 5 goal in 14 partite, tra i migliori dei suoi. Il Reial Club Deportiu Espanyol de Barcelona ha vinto 4 coppe del Re, l’ultima nel 2005-06, è arrivato terzo quattro volte nella Liga dalla sua fondazione nel 1900 ma non è mai riuscito a vincere il titolo. Creato come Sociedad Española de Fútbol,  doveva essere composto solo da giocatori spagnoli. Diventato Polideportiva, nel 1965-66 giocò la Coppa delle Fiere e venne eliminato dal Barcellona nei quarti di finale nonostante la presenza di Alfredo di Stefano in rosa, approdato nel 1964 a Barcellona dopo 12 stagioni al Real Madrid, considerato uno dei migliori giocatori di tutti i tempi.

Due finali di Coppa Uefa raggiunte dall’Espanyol: nel 1986-87 contro il Bayer Leverkusen dopo aver vinto 3-0 all’andata a Barcellona, perse 3-0 in Germania e poi i biancoblu persero ai rigori. Nel 2004-05 contro il Siviglia ecco la sconfitta nuovamente ai rigori. L’ultima partita al mitico stadio Sarriá è stata giocata il 21 giugno 1997 proprio contro il Valencia. Il nuovo stadio è il Cornellà-El Prat dove l’Espanyol gioca dal 2009, mentre dal 1999 al 2007 ha giocato le sue partite casalinghe al Lluís Companys.

Ecco la stagione 16-17 dell’Espanyol: l’allenatore Quique Sánchez Flores, ex Valencia, predilige il 4-2-3-1. Nell’ultima giornata in cui ha pareggiato con il Deportivo La Coruña, ha schierato il portiere Roberto, dietro Martin, Reyes, López e il Capitano Sánchez. A centrocampo Sevilla e Javi Fuego, dietro il tridente con Piatti (ex Valencia), Jurado, Pérez dietro a Moreno. Davanti le alternative sono: Caicedo, con la 10, giocatore ecuadoregno, autore di un goal quest’anno e Juan Antonio Reyes, numero 9 ex Siviglia, arrivato all’Espanyol questa estate.

Valencia-Espanyol: alle 12 in campo

Voro e Sánchez Flores dovrebbero usare entrambi il 4-2-3-1. Rispetto all’ultima uscita il Valencia ha l’emergenza difesa con Mangala squalificato. L’allenatore dell’Espanyol potrebbe usare Guillon al posto di Piatti.

Nel Valencia torna Garay, Mangala è squalificato, Siqueira si è infortunato, Abdennour è già in Africa per la Coppa di Africa. Anche Rodrigo si è infortunato davanti, i valenciani aspettano Zaza che sostituisca il brasiliano-spagnolo. Nel frattempo guiderà l’attacco Araújo.
“No es un momento para bromas”, tutti uniti per il Valencia, #amuntmesquemai , Forza Valencia, ora più che mai.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.