Verso Udinese-Lazio: è tornata la giostra del goal biancoceleste, ora viene il bello!

258
Bandiera laziale

Una vittoria pirotecnica contro il Genoa, ma non senza soffrire a tratti. Ora verso Udine.

Vediamo di ragionar sul momento Lazio anche in base ai  convocati e alla probabile formazione Lazio

È stata la domenica di Caicedo, mai finora era stato così decisivo in poco tempo: assist in Europa e goal in campionato. Inzaghi gli ha dato fiducia, contro tutto e tutti, avendo ragione. Il “Panterone” ha risposto sul campo, accanto ad Immobile, fornendo una prestazione più che ottima. Ne ha beneficiato anche il bomber napoletano, autore di una doppietta.

La Lazio sta tornando, le difficoltà di inizio stagione sembrano stiano passando. Le vittorie con Empoli e Frosinone erano arrivate in modo farraginoso, con poca sicurezza, con molte sofferenze. Un gol di scarto e tre punti. Meglio di niente diranno alcuni, è vero, ma non poteva essere quella la Lazio.

Verso Udine: convocati e probabile formazione Lazio

Alle porte c’è la trasferta di Udine, sperando che porti la vittoria e altro entusiasmo in casa biancoceleste. Entusiasmo raddoppiato, come spesso accade a Roma, dalla situazione difficile che stanno vivendo i cugini. Sabato alle 15 ci sarà il derby della Capitale, la partita in grado di cambiare gli umori di una squadra in 90 minuti.

Nella lista partente per Udine mancheranno Radu e Luiz Felipe. Per il resto confermati tutti i soliti volti della squadra.

Per la formazione si annuncia in piccolo turnover. Attenzione al possible esordio di Durmisi al posto di Lulic. Cambi probabili anche nei centrali difensivi: o Acerbi o Wallace potrebbero riposare. E stessa cosa sulla linea mediana, dove Badelj avrà la su chance insieme o a Lucas Leiva o Savic. Dovrebbe esserci al 100% Luis Alberto, con Caicedo pronto subentrante.

Già proiettati verso il derby di sabato

La possibilità di volare verso la lotta Champions e, contemporaneamente, affossare la squadra giallorossa nella bassa classifica, è una prospettiva troppo allettante per non farci un pensierino. Ma si sa, le stracittadine le vince spesso chi è sfavorito.

La condizione fisica la fa da padrona in questo momento, più delle caratteristiche tecniche o dei moduli. Alcune squadre – come ad esempio la Spal – hanno fatto exploit imprevedibili, proprio grazie ad una facilità di corsa impressionante, al contrario delle “big” che hanno faticato e non poco, a prescindere dai punti.

Nel derby sarà lo stesso, vincerà chi correrà di più, nel vero senso della parola. Lucas Leiva, Immobile, Savic, saranno loro a dover trascinare le aquile. Ciro ha già segnato ai giallorossi in più occasioni, dopo aver superato Klose nei migliori marcatori della storia biancoceleste.

Di Francesco traballa, i tifosi laziali sognano di dare la spintarella decisiva alla sua panchina, staccare i cugini di 7 punti e volare verso il treno Champions, quel treno sfuggito a trenta minuti dalla fine dello scorso campionato.

A cura di Luca Bellardinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.