Volley femminile: L’Italia perde ancora

197

Volley Femminile: L’Italia di Marco Bonitta perde anche la seconda partita con un netto 3-0 ( 21-25, 21-25, 16-25)  contro la Cina, per passare il turno adesso si fa dura, bisognerà vincere contro Stati Uniti e Porto Rico.

La squadra allenata dal ct Marco Bonitta si presenta mercoledì alle 16.35 (ora italiana) alla sfida contro l’Olanda, ormai considerata la cosiddetta bestia nera degli ultimi anni, contro gli orange allenati da Guidetti, che nella gara di esordio hanno piegato proprio la Cina, negli ultimi periodi tanti dispiaceri e pochi sorrisi.

Le azzurre peccano come sempre al servizio e in ricezione che hanno spianato la strada alle avversarie, abili e costanti nella gestione del cambio palla.

L’Italia è più volte riuscita a piazzare dei buoni controparziali, vanificando poi con banali errori e diventando prevedibile in attacco.

Per l’Italia si salva solo Paola Egonu, cercata con insistenza in attacco dalle palleggiatrici azzurre (con una avvicendamento tra Orro e Lo Bianco dopo il primo set) e autrice di 19 punti (ma solo il 22% in attacco). Bene anche Serena Ortolani, entrata nel secondo set ed autrice di 7 punti, ma il suo apporto non è bastato.

Il primo set finisce con il punteggio 25 – 21, L’Italia soffre la continuità delle cinesi e commette diversi errori di imprecisione sia in attacco che in ricezione.

Nel secondo set L’Italia prova più volte a rientrare, ma siamo troppo fallosi in ricezione ancora una volta. La Zhang chiude sul 25 – 21.

Nel terzo set invece la cina chiude per 25 – 16 e si prende la vittoria. L’Italia davvero in difficoltà (6 set giocati – 6 persi.

Il prossimo appuntamento è quindi per domani alle 16.35 contro l’Olanda di Guidotti e adesso l’obbiettivo è solo di vincere ma  l’Italia manca di fluidità e coesione, cosa che alle Olimpiadi non puoi permetterti.

Leggi anche…..Beach Volley: Rangheri e Carambula volano agli ottavi

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.