E’ una Vuelta a Espana che propone grandi nomi

251
Vuelta 2017

VUELTA A ESPANA – Parte oggi pomeriggio da Nimes (Francia) la 72^ edizione della Vuelta che si concluderà a Madrid il prossimo 10 settembre

E’ vero che mancherà il vincitore del 2016, quel Nairo Quintana che dopo il secondo posto al Giro d’Italia ha ampiamente deluso al Tour de France ed ha quindi chiuso anzitempo la sua stagione, ma gli altri campioni delle corse a tappe saranno tutti (o quasi) a questa Vuelta a Espana che parte oggi pomeriggio da Nimes e si preannuncia come una delle edizioni più spettacolari di sempre.

Non solo per i ben 9 arrivi in salita che il percorso prevede (tra i quali il terribile Alto de Angliru il penultimo giorno), ma soprattutto per un campo partenti di primissimo piano: sarà infatti al via Chris Froome, il vincitore di 4 degli ultimi 5 Tour de France (3 consecutivi dal 2015) che in Spagna non ha mai vinto, ma ha ottenuto ben tre secondi posti; ma ci sarà anche Vincenzo Nibali, l’unico che nel quinquennio ha interrotto il dominio Sky alla Grand Boucle, vincendola nel 2014 e che la Vuelta l’ha già conquistata nel 2010; poi Fabio Aru, il vincitore della numero 70, due anni fa. Ma non finisce certo qui, perché saranno ai nastri di partenza anche i fortissimi fratelli Yates della Orica Scott, Simon e Adam, pronti per un successo prestigioso dopo tanti ottimi piazzamenti al Giro e al Tour. E ancora, Bardet, Jungels, Chaves terzo lo scorso anno, Majka, Barguil, Kruijswijk, Zakarin e tanti altri ancora che possono tranquillamente ambire ad un posto nella top ten finale.

Doverosa citazione finale per un grandissimo del ciclismo interazionale, giunto al passo dell’addio, Alberto Contador che ha già tre Vuelta iscritte nel suo palmares, uno dei pochi (6, tra cui Nibali) capace di vincere tutti i grandi giri: il pistolero non è più quello di un tempo, ma nella corsa di casa cercherà senza dubbio di regalare qualcosa di spettacolare e memorabile ai suoi tifosi, per cui guai a sottovalutarlo.

SEMrush

Una Vuelta a Espana tutta da seguire (dirette giornaliere su Eurosport), attraverso le sue 21 tappe e 3.124 chilometri, di cui una cronosquadre oggi ed una cronometro individuale alla 16^ tappa, con 9 arrivi in salita e la classica conclusione a Madrid di domenica 10 settembre.

1^ tappa: Nimes – Nimes (TTT)

Consueta cronometro a squadre con la quale la Vuelta è solita iniziare il suo cammino. Niente da segnalare dal punto di vista altimetrico, ma prova che probabilmente non vedrà velocità medie troppo elevate per la tortuosità del tracciato che prevede numerose curve strette (almeno 11 difficili), un’inversione di marcia a 180° e l’insidia del vento sempre in agguato. Favorita d’obbligo la BMC Racing Team dei nostri De Marchi e Caruso, con la Quick-Step Floors di Capecchi nel ruolo di principale alternativa.


Immagine tratta dal sito www.lavuelta.com

Previous articleMilan: Sarà l’anno giusto per togliere la maledizione dei numeri 9 e 10?
Next articleGenoa, fidiamoci di Juric
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.