Simon Yates si conferma padrone del Giro 101

314
Yates a Sappada

GIRO D’ITALIA – Con una splendida azione solitaria a 15 chilometri dal traguardo di Sappada, il britannico Yates vince la tappa e consolida la maglia rosa

Ormai il grande favorito alla vittoria finale è lui: Simon Yates è infatti sempre più padrone del Giro d’Italia. Dopo la tappa dell’Etna regalata al compagno Chaves, la vittoria del Gran Sasso e quella di Osimo, il capitano della Mitchelton-Scott vince anche a Sappada ed allunga decisamente in classifica. L’avversario più accreditato resta Tom Dumoulin, che in classifica insegue a 2’11”, ma che dalla sua dovrebbe avere (il condizionale è diventato d’obbligo, vista la condizione stratosferica di Yates) la prova a cronometro da Trento a Rovereto di domani con la quale deve ribaltare la classifica.

Quella friulana era una tappa assolutamente da non sottovalutare, visto che non aveva lunghe salite di 1^ categoria, ma una serie di ascese di 2^ e 3^ categoria che però, complessivamente, facevano oltre 4.000 metri di dislivello, proprio all’indomani de terribile Zoncolan. Per informazioni chiedere a Chris Froome, che ha sì vinto la “tappa regina” (peraltro guadagnando appena 6″ sulla maglia rosa), ma poi ha pagato con gli interessi lo sforzo e a Sappada è arrivato con 1’32” dal vincitore, scendendo al 7° posto in classifica con un difficilmente colmabile distacco di 4’52”. Si sono invece difesi con un certa efficacia Miguel Angel Lopez, Tom Dumoulin, Domenico Pozzovivo, Richard Carapaz e Thibaut Pinot, ma olandese a parte, tutti questi rischiano di perdere altro terreno nella prova contro il tempo. Insomma, il gemello Simon ha in mano la corsa e solo una clamorosa ed al momento imprevedibile débacle potrebbe rimescolare le carte.

15^ Tappa: Tolmezzo – Sappada (km 176)

16^ Tappa: Trento – Rovereto (km 34.2) ITT

Dopo il giorno di riposo, inizia la settimana che conclude e deciderà il Giro: la prima prova da superare per chi nutre ambizioni di vittoria finale è la lunga cronometro individuale da Trento a Rovereto. Una cronometro su percorsi abbastanza articolati e complessi ed un lungo tratto centrale lungo il fiume Adige su strade prevalentemente rettilinee, con poche curve su strade larghe e ben pavimentate, nonostante qualche attraversamento cittadino più ristretto. Prima del secondo rilevamento cronometrico, da segnalare una breve salita, seguita da un breve discesa con una curva impegnativa prima di un nuovo tratto di strade rettilinee verso l’arrivo. Una prova per specialisti che ha in Tom Dumoulin il netto favorito.


Foto di Tim De Waele / TDMSports tratta dal sito www.cyclingnews.com

Previous articleIL BISCIONE NERAZZURRO: FINALE INCANDESCENTE!!!
Next articleDal quartiere veronese: missione compiutA
Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Tifo Blog. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio (www.cesenamio.it) e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.