Bologna-Milan: forse come bolognesi ci siamo illusi troppo

432
Bologna Milan 2-3
abbonamenti Studio Samo

Bologna-Milan: diagnosi complicata!

Una settimana si scoppia di salute, quella dopo si evidenziano infezioni. Questo è un quadro clinico confuso che necessita di uno staff medico di primo ordine.
O forse no, forse siamo noi tifosi che nel nostro mestiere di tifo non abbiamo antidoti a questo perenne stato febbrile. Perché, forse, è così che deve andare. Per compattare un reparto servono settimane, mesi e intere stagioni e poi quasi ogni settimana c’è un errore di un singolo a invalidare il lavoro di un reparto.
Molte volte è toccato a Stefano recitare il ruolo di -capro- espiatorio. Oggi è il turno di Tomy. Prima c’era Krejci, quindi M’Baye e Lukas. E poi c’era il centrocampo con poca qualità e l’ attacco sterile; insomma, come la guardi la guardi sembra sempre mancare qualcosa per poter spiccare il volo.
Forse ci siamo illusi di poter fare un campionato a ridosso della zona UEFA. Sì forse lo siamo stati, illusi, o forse abbiamo fatto tutto da soli.

Rimane il fatto che per eccesso di amore ci lasciamo andare un po’ tutti a bipolari analisi trattando il calcio come fosse una scienza. Mentre in realtà è la somma di molteplici fattori che vanno a incatenarsi uno con l’ altro. Chi si dimentica i successi di Grecia e Danimarca?La prima vinse un europeo, sebbene gli scommettitori ritenessero più probabile che resuscitasse Platone. Lo vinse la Danimarca che arrivò al campo in infradito, perché ripescata all’ultimo tuffo.

abbonamenti Studio Samo

Il calcio è strano e poco comprensibile quando guardi partite che non ti coinvolgono direttamente, e figuriamoci quando quel calcio lo gioca la tua squadra che a volte scambi per una fidanzata.

Sinisa Mihajlovic malattia: medico e paziente del proprio destino con un un Bologna malaticcio

Che ci sia infezione o meno io non lo so, ma se così fosse il paziente è nelle migliori mani possibili: quelle del dottor Sinisa a cui finalmente viene tolta da addosso il ritornello del – se c’è si vince, se non c’è si perde-
Perché francamente continuare a tirarlo per la giacchetta mi pare proprio fuori luogo.

Sinisa è un signore di carattere molto duro che ha combattuto e combatte con un avversario molto complicato, mentre continua con ostinazione a fare il suo mestiere di allenatore al meglio che gli è stato possibile in questi mesi.

Il rispetto per la persona dovrebbe venire prima di tutto e in maniera del tutto automatica.

Non sono sicuro che tirarlo dentro ogni mezza partita sia il miglior modo di rispettarlo. Ha lavorato, lavora e lavorerà sempre con impegno e onestà intellettuale come la sua storia insegna e togliergli un po’ di pressione mi sembrerebbe cosa saggia.
E mandando giù ancora un rospo rimanderemo i nostri sogni di gloria alla prossima domenica. Contro una Dea che sarebbe bello battere per tanti motivi.

A noi tifosi si chiede ancora una volta pazienza e ancora una volta la metteremo.
Sono 49 anni che personalmente paziento e non sarà qualche settimana in più a fare tutta questa differenza.

I tifosi del Bologna e l’applauso a Bonaventura

Mi piacerebbe chiudere con un doveroso riconoscimento all’avversario: fisicamente normale, sempre troppo poco sponsorizzato, Jack Bonaventura è un ragazzo umile, educato, tatticamente geniale, dal piede sapiente e il fatto che rientri in serie A dopo un anno di calvario in quelle condizioni non fa che rafforzare questa mia teoria. Peccato ci abbia fatto male ma complimenti di cuore!

abbonamenti Studio Samo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.