sabato 7 Dicembre 2019

Blog Milan

Milan Blog, è la la pagina dedicata di TifoBlog che raccoglie tutti i tifoarticoli sui diavoli rossoneri e cerca di trasmettervi l’emozione del tifoso Milanista. Contattaci e partecipa anche tu.

Il Milan Football e Cricket Club nasce nel 16 dicembre 1899 presso la Fiaschetteria Toscana di via Berchet, per volontà di Herbert Kilpin. Un anno dopo il Diavolo è già campione d’Italia. A seguire due scudetti consecutivi (1906/1907), la Coppa Federale (1916). Poi nel 1919 il cambio nome in Milan Football Club e l’esordio allo stadio San Siro. Nel dopoguerra la squadra diventò Associazione Calcio Milan e vinse il quarto trofeo nel 1950-51 più la Coppa Latina dello stesso anno. E’ il momento dell’esplosione del trio svedese Gre-No-Li, ovvero Gren -Nordhal-Liedholm e della base italiana Buffon, Maldini, Bagnoli e Schiaffino. Il Millan vince la Coppa Latina nel ’56 e altri tre campionati.

Con l’era Nereo Rocco il Milan vince l’ottavo scudetto con protagonista Altafini e il capitano Gianni Rivera. Inizia l’epopea europea del Diavolo rossonero. 1962: con la vittoria contro il Benfica per 2-1 allo stadio di Wembley (marcatore Altafini con una doppietta). In questi anni, sotto la presidenza Rizzoli, il club vinse 4 scudetti, una Coppa Latina, una Coppa dei Campioni e fu edificato il centro di allenamento di Milanello.

Dopo quattro anni nel 1966/67 il Milan vinse la Coppa Italia a cui seguirono, complice il ritorno di Rocco, la Coppa delle Coppe nel 1967/68 e il nono scudetto. Nel 1969 Rocco ancora vinse la sua seconda Coppa dei Campioni e questa volta ai danni dell’Ajax di RInus Michels e Johan Cruijff. E dall’Europa i successi presto si estero al mondo, con la Coppa Intercontinentale contro l’Estudiantes.

Gli anni Settanta vedono pochi successi: Coppa italia ’72 e ’73 e la seconda Coppa delle Coppe. A fine del decennio arriva lo scudetto della prima e unica stella: è l’ex rossonero Liedholm con il decimo scudetto. Segue poi la prima retrocessione nel 1980 per lo scandalo Totonero del presidente Colombo. L’anno dopo il Diavolo vince la Mitropa Cup e torna in A. L’anno dopo la squadra meneghina retrocede nuovamente per meriti sportivi. La stagione successiva arrivò in A e poi iniziò il ciclo trentennale del presidente Berlusconi.

Prima il Milan di Sacchi degli olandesi Gullit-Van Basten- Rijkaard che nel 1989 e 90 vinse due Coppe dei Campioni, due Supercoppe europee e due Coppe Intercontinentali più la Supercoppa Italiana nel 1989.

Poi a seguire il Milan di Fabio Capello con i quattro scudetti consecutivi (1991 – 1995), più la Supercoppa italiana del 1993 e la Coppa dei Campioni 1994, con la celebre vittoria per 4-0 contro il Barcellona di Cruijff.

Il terzo ciclo di Berlsconi fu il mini-ciclo di Alberto Zaccheroni. Con lo scudetto 1998-99.

Il quarto ciclo memorabile fu quello di Carlo Ancelotti. Prima la Champions del 2003 contro la Juventus in finale. Poi la Coppa Italia dello stesso anno contro la Roma. L’anno dopo lo scudetto 2003-04 e la Supercoppa europea contro il Porto di Mourinho.

Dopo lo scandalo Calciopoli, con penalizzazione in serie A di -7 punti in partenza, Ancelotti si prese la rivincita contro il Liverpool per la finale persa a Instanbul nel 2005. Fu l’ultima Champions Milan: finale di Atene 2007. L’anno dopo, il Milan vinse la Supercoppa Europea contro il Siviglia e il suo primo Campionato del Mondo per club (ex Coppa Intercontinentale).

Il quinto ciclo vincente iniziò con l’era di Massimiliano Allegri. Al primo anno, nel 2011, vinse lo scudetto e subito dopo la Supercoppa Italiana. Poi nel 2014 l’allenatore toscano fu sollevato dall’incarico. Da quel momento in poi con gli avvicendamenti di ex campioni come Seedorf, Inzaghi, Brocchi, e il breve periodo del non rossonero Mihajlovic il Milan non ha più vinto nulla. Tranne con la parentesi Montella e la Supercoppa Italiana  Doha contro la Juventus nel 2016. Ultimo trofeo dell’era Berlusconi.

Poi l’imprenditore milanese ha venduto la società al cinese Li Yonghon e da qui l’affido della stessa al fondo di garanzia Elliot che ancora oggi controlla il club. Dal 2016 a oggi i rossoneri non hanno più vinto nulla e hanno rinunciato nell’estate del 2019 alla partecipazione in Europa League per il fair play finanziario.

Tutto il calcio mercato 2019 del Milan
Seguici su Facebook

Milan-Napoli formazioni e dove vederla in TV. Partita da crocevia per entrambe

Milan-Napoli formazioni e dove vederla in TV Milan-Napoli non è una partita come le altre. Soprattutto in questo periodo in cui, entrambi i club, hanno problemi anche se di natura diversa. MILAN (4-3-3): Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Theo Hernandez; Paquetà, Biglia, Krunic; Suso, Piatek, Bonaventura NAPOLI (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Luperto; Elmas, Allan, Zielinski, Fabian; Lozano, Insigne In Tv potete vederla...

Daniel Maldini rinnovo e prima convocazione. Continua la dinastia?

Daniel Maldini fresco di rinnovo fino al 2024 oggi è convocato. Continua la dinastia di famiglia? Daniel è le qualità e questo si era già capito questa estate. Ora è il momento di vederle in pratica. Il Milan ha deciso di dar fiducia al ragazzo, non solo per il glorioso cognome dinastico, ma anche perché è un prospetto interessante. Data...
juve - milan 1-0

Juventus-Milan: piccoli passi anche con zero punti

Juventus-Milan 1-0: la decide una giocata pazzesca di Dybala ma i rossoneri stanno migliorando Ha ragione Lui. Ha ragione Pioli. Mettere il calendario come un attacchino a Milanello per colpire con la forza dell'immagine i giocatori: 13 punti. Zona salvezza. Con il Parma che ha vinto e con il Torino pure che ci superano così come il Sassuolo e l'Udinese....
Ante Rebic

Ante Rebic: il croato è un rischio flop?

Ante Rebic: il croato non trova spazio, perché? Il rischio concreto è che insieme a Leao e Bennacer sia un flop del mercato estivo, gestito da Boban e Maldini. Antè Rebic, 26 ani all'anagrafe, non ha segnato un goal, ha giocato poco e convinto ancor meno. E non si tratta di problema dall'allenatore, perché sia Giampaolo che Pioli l'hanno avuto...
MIlan - Lazio

Milan – Lazio: altro giro, altra sconfitta

Milan - Lazio 1-2: i rossoneri perdono 2 a 1 al Meazza contro la Lazio di Inzaghi Milan - Lazio termina 1 a 2. Dopo la vittoria sudata contro una mediocre Spal, i rossoneri incassano un’altra sconfitta. Nonostante un’ora giocata discretamente dai padroni di casa, la Lazio, guidata da Luis Alberto, Immobile e Correa, ha meritato la vittoria evidenziando ancora...
Suso Milan SPAL

Milan-SPAL: Il Diavolo fa la sua stregoneria, ma non allontana le ombre

Milan-SPAL 1-0: Suso la risolve, ma sono ancora tante le ombre su questo Milan Era importante vincere, non c'è dubbio! Un altro risultato negativo o semi-negativo ci avrebbe travolti come un'onda scura. Perché poi affronti tre grandi squadre, contro cui puoi anche fare 0 punti e poi ti saresti davvero ritrovato a lottare per restare in A. Che a risolvere una...

Notizie Milan ultimi minuti: Pioli ha in mente una rivoluzione contro la Spal

Contro la Spal sarà sfida salvezza. Difficile inquadrarla in altro modo. Fà male, ma è la pura e semplice verità Notizie Milan ultimi minuti: ecco cosa vedremo in campo contro la Spal Out Suso, Biglia, Kessiè, Conti, Calabria, Musacchio e dentro Bonaventura, Rebic, Krunic e Duarte. Speriamo tutto questo sia vero e possa concretizzarsi, perchè se con quei quattro cadaveri che...
roma milan

Roma – Milan: il festival degli errori (e degli orrori)

Roma – Milan termina 2 a 1, i rossoneri non si rialzano; decisivi i diversi errori individuali dei rossoneri. Devo essere onesto, prima di Roma-Milan ero silenziosamente fiducioso. Nella prima partita sotto la gestione di Pioli avevo notato alcuni segnali di miglioramento nonostante il pareggio finale. Certo, abbiamo giocato contro il Lecce a San Siro, non esattamente uno degli impegni...

Suso: oramai le scuse stanno a zero, come lo stipendio che ti meriti

Suso non gode più di nessun credito. Per quanto mi riguarda potrebbe lavare gli scarpini ai compagni e preparare il thè per la partita, come in terza categoria Cambiano i centravanti che non segnano, chissà perchè, cambiano i giocatori, cambiano i Mister e cambiano le dirigenze. Chi invece gode di assoluta intoccabilità è sempre Suso. A nessuno è mai venuto...
Milan Lecce calhanoglu

Milan – Lecce: pareggio che sa di beffa

Il match tra Milan e Lecce termina 2 a 2, rossoneri con buone cose, ma c'è tanto lavoro da fare Milan Lecce 2-2: la prima di Pioli termina con un punteggio dal sapore amaro, il Milan non va oltre il pareggio in casa contro una squadra dall’organico nettamente inferiore. Non è però tutto da buttare: nonostante i 2 punti persi,...