Copa Liga Profesional: River in goleada. Che tonfo del Boca!

19
copa 2021 Argentina
copa 2021 Argentina

Copa Liga Profesional: River in goleada. Che tonfo del Boca!

La giornata numero 6 della Copa Liga Profesional inizia nella città calcisticamente più rappresentativa dell’Argentina: a Rosario, sponda rojinegra.

Newell’s-Uniòn (SF) 0-0

Derby di provincia dove nessuno ne approfitta: non lo fa la Lepra per dare una scossa alla sua stagione che definire mediocre è dir poco -quindi niente vittoria al debutto per el Mono Burgos– e non lo fa nemmeno el Tate che avrebbe potuto consolidare la sua posizione interessante nella Zona B. Un pari che lascia a bocca asciutta tutti.

Central Cordoba-Estudiantes 1-1

All’ ‘Estadio Unico Madre de Ciudades‘ di Santiago del Estero, anche l’equipo Ferroviario di Gustavo Coleoni e el Pincha di Ricardo Zielinski si dividono la posta in palio in un 1-1 che: per el sapito non fa così male, visto che strappare dei punti a questo Estudiantes non è assolutamente una passeggiata (in genere a tutte le squadre di el Ruso non lo è). Dall’altra parte l’equipo di La Plata non ha ancora superato pienamente la sconfitta valida para el primer lugar de la Zona A contro lo straordinario Colòn di Edu Dominguez.

Accade tutto nel primo tempo: Lucas Brochero porta in vantaggio Central Cordoba al minuto diciotto, mentre Leonardo Godoy impatta cinque minuti più tardi per l’Estudiantes.

Patronato-Huracan 0-1

Kudelka bagna il suo ritorno al Globo con i tre punti e meglio di così…visto che è una delle squadre che ‘tiene que sumar puntos‘ in vista del promedio che l’anno prossimo inevitabilmente tornerà e in questi casi, il fieno in cascina non fa mai male. La partita la risolve Pablo Oro.

C’è ancora davvero bisogno di parlare del Patròn? No perché davvero non saprei cosa dire.

Gimnsia-Atl. Tucuman 2-0

Il Lobo platense torna alla vittoria dopo tre turni senza portare a casa il bottino pieno e lo fa molto bene, continuando la sua buona prova nella competizione, l’undici di Messera dice la sua, in una Zona B in continuo mutamento a cadenza settimanale (non c’è effettivamente una netta supremazia di una sola squadra) e sì, ci sarebbe ancora la possibilità di sognare di arrivare tra le prime quattro per quelli del bosque. La risolvono Marcelo Weigandt Johan Carbonero.

El Decano Tucumano è l’altra formazione che necessita di punti in vista del promedio…al momento direi che non sta andando affatto bene: una vittoria, un pari e tre sconfitte (sì, ci sarebbero da recuperare anche circa 15 minuti del secondo tempo della partita contro l’Huracan, sospesa a causa della pioggia), tuttavia questa versione della formazione di San Miguel, è lontanissima parente di quella apprezzata nellafase de grupos della Copa Maradona.

Banfield-Lanùs 2-0

Eccola la dimostrazione di forza del Taladro, quella che serviva dopo il periodo precario che va dalla sconfitta contro el Zabalero santafesino fino al pari nello scorso turno contro il Ciclòn.

El Clasico del Sur se queda en casa, per gentile cortesia di Luciano Pons e magari anche di Nicolas Orsini (attaccante del Lanùs che si è fatto espellere in chiusura del primo tempo) dove tra l’altro el Granate aveva giocato abbastanza bene.

Torna a vincere quindi il Banfield nella partita (al momento) più importante dell’anno e torna a correre nella sua Zona.

Eh niente, Zubeldìa quando conta non vince e torna ancora a casa con le pive nel sacco e con un uomo in meno.

Vélez-Independiente 1-0

Lo scontro al vertice della Zona B va al Fortìn, che supera el Rojo di misura la formazione di Falcioni grazie ad una rete quasi fortuita del peruviano Luis Abram a sette minuti dalla fine. Pellegrino sembra essersi ripreso bene dalla batosta subita due turni fa dagli Xeneizes.

Battuta d’arresto non indifferente per l’Independiente, anche in vista del prossimo turno che vedrà l’equipo di Avellaneda affrontare il Boca (che altrettanto non vive un buon periodo).

Godoy Cruz-River 1-6

Festa del gol nelle Malvinas, dopo il pari nel SuperClasico (e prima ancora la sconfitta in casa contro el Bicho) torna a vincere il River di Gallardo. Sei reti a el Tomba con il contributo più importante dato dal poker di Rafa Santos Borré (che non andrà al Palmeiras perché il club brasiliano ha ritirato l’offerta), per chiudere poi con Julian AlvarezJorge Carrascal. Semplicemente: volviò el Millonario.

Il Godoy Cruz è stata la vittima sacrificale dell’obbligo di vincere per il River. Il gol della bandiera è stato siglato da Valentin Burgoa.

Sarmiento-Defensa y Justicia 3-1

Stop inatteso da parte di Beccacece, tuttavia il Sarmiento è sempre un’incognita interessante, una variabile impazzita che ha già donato qualche sorpresa all’interno della competizione.

Una doppietta di Jonathan Torres e un gol di Sergio Quiroga coronano una bella vittoria da parte della formazione neopromossa. Per el Halcòn è Walter Bou a marcare. Becca reagirà, statene certi.

Colòn-Rosario 0-0

Al ‘Cemeterio de los elefantes’ impattano Zabaleros e Canayas, primo stop senza gol per l’undici di Edu Dominguez, mentre un risultato importantissimo per la formazione di Kily Gonzalez (non subire gol da questo Colòn è un evento). Nel prossimo turno i santafesini andranno a Vicente Lopez contro il Platense, i rosarini gialloblu ospiteranno non una formazione abbordabile: il Central Cordoba.

San Lorenzo-Aldosivi 1-2

El Ciclòn di Diego Dabove è un equipo sin alma, sin identidad forse non per colpa dell’allenatore ma per le vicissitudini interne (che non possono non riflettersi sul rendimento), forse anche le mire di Marcelo Tinelli: presidente del club, imprenditore televisivo e vicepresidente della AFA (a detta di qualcuno è lì che vuole arrivare, a scalzare Claudio Tapia). In sintesi: il San Lorenzo perde ancora; perde in casa, ne la ultima pelota de la noche e perde contro un ottimo Tiburòn di un altrettanto sorprendente Fernando Gago.

Autori del trionfo gialloverde sono Francisco Grahl, che ha portato in vantaggio la formazione di Mar del Plata alla fine della prima frazione. L’equipo di Boedo impatta sul finale con Franco Di Santo, ma ci pensa poi al minuto novantacinque Rodrigo Contreras a regalare i tre punti (anche oltre l’extremis se vogliamo) all’Aldosivi che è assolutamente un equipo che no tiene miedo.

Boca-Talleres 1-2

Un tonfo non indifferente e con rissa sfiorata tra il capitano degli XeneizesCarlos Izquierdoz e Frank Fabra. Il Boca di Russo è più precario (e non da oggi) di un equilibrista su una fune -anzi anche più precario, visto che per l’equilibrista è lavoro-. C’è molto da rivedere a livello di spogliatoio.

Finalmente Medina! Finalmente il Talleres! Certo: una golondrina no hace verano, però la formazione cordobense certamente darà molto morale all’ambiente blanco y azul per affrontare quel che resta di questa competizione.

Le reti le segna tutti e tre la (uno en contra): il primo lo sigla l’ex Lanùs Carlos Auzqui, il gol en contra lo segna suo malgrado Michael Santos e il terzo è di Diego Valoyes.

Arsenal de Sarandì-Platense 0-0

Un pari che ha poco d dire, ah una cosa sì: è il primo punto dell’Arse…finalmente.

Racing-Argentinos Juniors 1-0

E’ Pizzi a mettere la terza vittoria di fila e non Gabi Milito (tra l’altro per lui tirava aria di Clasico, visto che è tifoso dell’Independiente), è il Racing a prevalere grazie a Leonel Miranda. Un‘Academia che almeno al momento sembra aver trovato la via, el Bicho che invece frena ma che non deve perdersi d’animo.

 

Copa Liga Profesional: tra il dominio del Colòn ed il SuperClasico

La giornata numero cinque di questo torneo albiceleste inizia alle 19:15 circa (ora locale) in quel di Mar del Plata: il sole ponente quindi ci offre l’anticipo più interessante a livello qualitativo della Zona A

Aldosivi-Central Cordoba 1-2

L’equipo di Fernando Gago cade ancora, una caduta che sebbene sia arrivata tra le mura amiche poteva tranquillamente starci, visto che è arrivata contro una delle squadre assolutamente più in forma della competizione. El tiburòn in tutto ciò può comunque ripartire da un bel gruppo, dalla bravura del suo tecnico finora dimostrata e da Federico Andrada che ha di nuovo timbrato il cartellino (stavolta di testa) per il momentaneo pareggio della formazione marplatense, cinque centri in cinque gare.

‘El Sapito’ (la rana) Gustavo Coleoni e la sua banda, sembra si divertano proprio a stravolgere le carte in tavola della Zona A, dopo la sonora sconfitta al debutto contro il Colòn (oggi leader del gruppo), gli undici di Santiago del Estero hanno messo in cascina dieci punti (tre vittorie ed un pari). Un andamento che va ben oltre le più rosee aspettative, aspettando però confronti ancora più probanti come; l’Estudiantes nel prossimo turno e i vari River, Racing. Al momento però, è una grandiosa sorpresa: diventerà certezza?

El ferroviario lo porta in vantaggio Leonardo Sequeira, mentre la questione la chiude Cristian Vega: capitano, simbolo e veterano del club.

Uniòn (SF)-Gimnasia 1-1

Si dividono la posta in palio al ‘15 de abril‘ el Tate santafesino e el Lobo platense.

1-1 firmato Martin Canete che porta in vantaggio la squadra di casa e Lucas Barrios che impatta a quindici minuti dalla fine. Due squadre che hanno bisogno di ritrovare certezze.

Huracan-Lanùs 0-0

Altro pari, stavolta a reti bianche all’ ‘Adolfo Tomas Duco‘ tra Zubeldìa Damonte. Riuscirà prima o poi a vincere el Globo?

Sarà pronto el Granate per el Clasico del Sur?

Talleres-Vélez 0-1

Arriva la reazione del equipo di Mauricio Pellegrino, una risposta che tiene el Fortin a galla nella Zona B. Ci pensa Luca Orellano a mettere le cose in chiaro al ‘Mario Alberto Kempes‘ al minuto 54.

Niente da fare per la T, i ragazzi di Alexander Medina, non riescono a vincere in questa competizione, e non è un dettaglio da poco…

Platense-Racing 0-2

Una boccata d’aria per il Racing di Juan Antonio Pizzi, una seconda vittoria consecutiva che serviva come il pane, poiché sulla sponda racinguista di Avellaneda non hanno ancora digerito un sacco di cose -calcisticamente parlando-. Ingranerà la marcia finalmente la Academia? Vedremo, intanto gli artefici di questo successo rispondono al nome di: Lorenzo Melgarejo (che ha anche segnato nell’andata dei quarti di Libertadores contro il Boca) e il giovane Ivan Maggi.

Platense che fa quello che può (ma che francamente pensavo potesse almeno strappare un punto), vista la situazione in cui versa al momento la squadra di Avellaneda.

Defensa y Justicia-Newell’s 4-0

Non chiude bene la sua esperienza alla Lepra Frank Kudelka, incassando un poker dalla formazione vincitrice della scorsa edizione della Sudamericana, e che quindi si è da qualche mese cucita la prima “estrella sobre el pecho“. Firmano il poker: Marcelo Bnitez (doppietta)Walter Bou e Francisco Pizzini. Il Defensa e Justicia continua a stupire, il ritorno di Beccacece ha fatto solo bene all’ Halcòn al momento.

Dall’altra parte come già detto: non è finita bene l’avventura di Kudelka sulla panchina rosarina, tuttavia resta comunque un grande riconoscimento da parte della tifoseria leprosa verso il tecnico cordobense: che li ha riportati alla normalità con il promedio, fino alla qualificazione alla prossima edizione della Sudammericana. Il nuovo tecnico del Newell’s è stato già ufficizalizzato: German ‘El Mono‘ Burgos.

Argentinos Juniors-Godoy Cruz 2-0

El Bicho di Gaby Milito vince ancora, seconda vittoria di fila per la formazione di La Paternal che forse si è svegliato (forte anche del risultato precedente, perché non è da tutti fermare il River al ‘Monumental‘). Firmano la vittoria: Gabriel Avalos Elias Gomez. Beh, care cebollitas avete un’altra metà di competizione da giocare.

El Tomba continua nel suo percorso stentato, comunque meno pericolante degli altri anni.

Estudiantes-Colòn 0-2

Primo stop serio per la formazione de ‘El Ruso‘ Zielinski che cade nello scontro -almeno al momento- più importante per la stagione del Pincha, essendo il match al vertice della Zona A. Uno stop che ha bisogno di immediata risposta, perché appaia come un incidente di percorso. Tuttavia il prossimo turno vedrà l’Estudiantes in una trasferta per niente facile: si va a Santiago del Estero.

Dittatura Zabaleros, i santafesini hanno messo sotto un regime totalitario il loro gruppo, chi comanda? Luis Miguel ‘El Pulga’ Rodriguez.

Boca-River 1-1

El SuperClasico, l’interzonal più atteso della stagione, il match in grado di fermare non solo un Paese ma un intero continente: c’è Boca-Rover

Ancora una volta un nulla di fatto tra MillonariosXeneizes, nulla di fatto che però non è mai scontato.

La ‘Bombonera‘ ancora non pulsa, quindi non può che essere un’atmosfera molto diversa del solito ma la mistica, anche in questo SuperClasico non è mancata. Passa in vantaggio il Boca con Seba Villa che infila Franco Armani su rigore allo scadere del primo tempo, mentre il River pareggia con Augustin Palavecino a venti minuti dalla fine.

Al novantesimo i Millonarios hanno l’occasione per chiuderla con Federico Girotti che: tira, Andrada fuori è causa ma la palla per un rimbalzo strano rimane sulla linea di porta ma non la supera. La mistica ha fatto la sua parte.

Banfield-San Lorenzo 0-0

Se al Taladro questo risultato -oltre che il clean sheet- va molto bene in vista del ‘Clasico del Sur‘ della prossima settimana (sarà il Banfield ospite al ‘Nestor Diaz Perez‘) contro il Lanùs.

Il San Lorenzo continua nella sua stagione che definire sottotono sarebbe un eufemismo e a Boedo il Ciclòn è sempre più quello delle polemiche.

Rosario Central- Arsenal de Sarandì 2-1

Damian Martinez Martin Rabunal  ipotecano la vittoria canaya, il gol della bandiera per l’Arse lo segna Lucas Albertengo. Non è un buon biglietto da visita questo per la Copa Sudamericana da parte della squadra di Sergio Rondina.

Atl. Tucumàn-Patronato 4-2

Altro test poco probante per la squadra di De Felippe che però riesce a vincere contro el Patròn. L’allarme promedio interessa tutte e due le compagini.

E’ il Patronato a passare in vantaggio al quarto d’ora con lo svizzero Dylan Gissi.

Poi parte la festa del Decano aperta da Guillermo Acosta al quale seguono: Augusto Lotti, Oscar Benitez e Ramiro Rodriguez. Una piccola consolazione per il patronato è il gol che vale solo per le statistiche, di Gabriel Gudino.

Independiente-Sarmiento 6-0

El Rojo la chiude già nel primo tempo che termina 4-0, tre doppiette per mettere al tappeto la formazione neo promossa, quelle di: Exequiel Palacios, Silvio Romero e Jonathan Menendez. L’Independiente di Falcioni è uno schiacciasassi.

Mi aspettavo una sconfitta del Sarmiento, ma così pesante assolutamente no, visto cio che saputo fare con Vélez e Boca.

E’ iniziato il giro di boa della Copa Liga Profesional, sarà interessante vedere chi arriverà tra le migliori quattro di ogni gruppo…godiamocela.

 

Copa Liga Profesional: la situazione

Siamo a quasi metà della competizione regolamentare albiceleste e si vanno sempre più delineando le due tablas de posiciones delle zonee B di questa Copa Liga Profesional, dunque diamo un’occhiata a quello che accade calcisticamente nel paese che ha inventato l’amore per questo sport.

Newell’s-Independiente 1-2

Al ‘Coloso del Parque‘ di Rosario, l’Independiente di Julio Cesar Falcioni passa grazie ai gol di Exequiel Palacios e del terzino destro Fabricio Bustos. Independiente che ha sempre più certezze da quando l’ex prima giocatore e poi tecnico del Banfield è arrivato alla guida della parte più blasonata di Avellaneda a livello di palmarès: arriveranno tra i primi quattro della Zona A? Vamos a ver lo que pasa

Per la Lepra le distanze le accorcia Maxi Rodriguez ma non basta: il Newell’s perde ancora ed ha solo un punto -per via del pari contro il Talleres-, formazione che sta anch’essa deludendo le aspettative iniziali.

Frank Kudelka –in odore di ritorno all’Huracan- e attuale allenatore della formazione rosarina, potrebbe essere sostituito -secondo le ultime indiscrezioni- da nomi come: Gabriel Omar Batistuta o il vice di Diego Pablo Simeone ‘El Mono’ German Burgos (fonte TyC Sports). Sarà chiave il prossimo turno, che vedrà il Newell’s Vedersela con il Defensa y Justicia.

Central Cordoba-Banfield 1-1

Continuo a sostenere la qualità della squadra di Santiago del Estero e la bravura del suo allenatore: Gustavo Coleoni, che dopo la paliza al San Lorenzo, ha conquistato un punto d’oro contro la finalista dello scorso torneo con di nuovo  Milton Gimenez sul tabellino dei marcatori. Il Central Cordoba deve essere considerato concorrente.

Dall’altra parte, i ragazzi di Sanguinetti hanno dato prova di una reazione dopo la sonora batosta subita per mano del Colòn nello scorso turno, meglio così: perché è ufficialmente iniziata la marcia di avvicinamento al ‘Clasico del Sur‘ (Banfield-Lanùs) ma prima, al ‘Florencio Sola’ arriverà ospite el Ciclòn di Boedo: il San Lorenzo. Ah, ad aprire le marcature al minuto settanta è stato Juan Alvarez.

Godoy Cruz-Platense 3-1

Altra sorpresa della competizione è el Tomba, la formazione mendozina ha una motivazione diversa, quasi una forza trascendentale interiore frutto della perdita del compianto Santiago ‘El Morro’ Garcia, non è poco visto quello che ha rappresentato dentro e fuori dal rettangolo di gioco per questa squadra. Ci pensano Bullalde, CartagenaTesuri a mettere le cose a posto, dopo il vantaggio degli ospiti venuti da Vicente Lopez con Tiago Palacios. Platense che comunque sta conducendo una dignitosa competizione.

Sarmiento-Talleres 1-1

Come detto precedentemente: la formazione di Alexander Medina non sta brillando in questa nuova competizione, certamente pesa per l’organico de la T l’addio di Tomas Pochettino, tuttavia ci sono dei buoni valori su cui fare affidamento: un buon mix tra esperienza dei veterani come Carlos Auzqui e fame dei più giovani come Guilherme Parede (tra l’altro unico calciatore brasiliano della competizione) e Joel SonoraTallerazo che ha comunque ancora tante difficoltà, e ha ripreso la partita allo scadere con il colombiano Rafa Perez.

Sarmiento che dopo il Boca ha strappato un punto ad un’altra ottima squadra -e da neopromossa non è mai una cosa da poco-, Graciani l’aveva sbloccata al minuto 2.

Colòn-Aldosivi 2-1

Zabaleros di Edu Dominguez che continuano a dominare la Zona A, i santafesini sono la reale rivelazione del torneo, trascinati in questo caso  prima da Alexis Castro e poi dal solito: Luis Miguel ‘El Pulga’ Rodriguez.

I ragazzi del tiburòn allenati da Fernando Gago non hanno comunque sfigurato e il loro andamento nella competizione rimane buono, peraltro la partita l’avevano riacciuffata con Grhal, mentre, il giovane sul quale la formazione marplatense può contare è: Federico Andrada, che al momento divide la classifica cannonieri della Copa con l’attaccante del Banfield, Giuliano Galoppo.

Lanùs- Atl.Tucumàn 2-1

Luis Zubeldia sembra essersi ripreso dalla batosta in Copa Sudamericana, lo dimostra la capacità di resilienza acquisita dai ragazzi di Lomas de Zamora, quelli della sponda Granate che l’hanno ribaltata e portata a casa: prima con il solito, quasi un eroe epico Pepe Sand, poi con un’opera d’arte di Matias Esquivel (consiglio caldamente di rivedere quel gol).

El Decano tucumano invece sembra ancora -e molto fortemente- risentire dell’addio di Zielinski in panchina e di non aver assorbito ancora appieno gli schemi di De Felippe, non riuscendo tra l’altro a reggere il vantaggio ottenuto grazie a Guillermo Acosta.

San Lorenzo-Huracan 1-1

El Clasico del Barrio. A Boedo nel ‘Nuevo Gasometro’ finisce in parità tra due squadre che non stanno certamente brillando, ma certamente el Globo vive una situazione certamente migliore sul piano dei risultati rispetto al Ciclòn, che sta faticando tantissimo in questo torneo, non diversamente dalla scorsa edizione dove: è riuscito a qualificarsi per il rotto della cuffia a qualificarsi per la Fase Campeòn.

Da Diego Dabove (alla guida tecnica del club dopo Mariano Soso) a Marcelo Tinelli presidente del San Lorenzo e vicepresidente della AFA i tifosi stanno mettendo tutti sulla graticola, anche dopo il pari (col medesimo risultato) di stanotte contro la Universidad de Chile a Santiago, valido per l’andata dei playoff di Libertadores.

A Boedo la risolvono con metodo rude i FranchiFranco Di Santo porta in vantaggio il San Lorenzo (dopo un errore difensivo che davvero farebbe rabbrividire chiunque in Europa) e la rimette in parità l’ex Boca per il Globo Franco Cristaldo.

Arsenàl de Sarandì-Estudiantes 0-5

L’equipo di Sergio Rondina deve darsi al più presto una svegliata e non cullarsi sul fatto che parteciperà all’edizione 2021 della Copa Sudamericana che inizierà a metà aprile, poiché il tempo è galantuomo…soprattutto se c’è di mezzo una cosa chiamata promedio.

E’ tornato el Pincha, cortesia di Ricardo ‘El Ruso’ Zielinski e continuerà a far bene vista la ottima base di rosa su cui può fare affidamento, e poi il tecnico che ha potuto portare a La Plata è una scelta di prim’ordine.

Un risultato che non lascia spazio ad interpretazioni, anzi lascia soltanto scandire i nomi dei firmatari di questa cinquina: Leandro Diaz (doppietta), Angel Gonzalez, Juan Sanchez e Martin Cauteruccio (un tacco straordinario).

Ah, per la cronaca: ha avuto un po’ di minuti a disposizione anche Deian Veròn, figlio della ‘bruja’ che nonostante il cognome pesante, ha comunque affrontato la trayectoria juvenil.

Gimnasia-Defensa y Justicia 1-1

Anche il Lobo platense sta attraversando un buonissimo periodo per quanto riguarda i risultati, ed è riuscito ad uscire indenne anche dal confronto contro l’Halcòn di Florencio Varela, squadra vincitrice della -da poco archiviata- Copa Sudamericana.

L’incontro più interessante della Zona B si conclude con un pari tutto sommato prevedibile, grazie al contributo di Johan Carbonero per il Gimnasia e di Eugenio Isnaldo per la formzione allenata da Sebastian Beccacece

Patronato-Uniòn (SF) 0-1

Forse l’incontro passato più in sordina della giornata, tra due squadre in grandissima difficolta di risultati (Patronato soprattutto), ha visto vincere di misura l’altra santafesina grazie alla rete di Juan Garcia.

Vélez-Boca 1-7

Un messaggio inequivocabile in vista del SuperClasico di domenica da parte della formazione di Miguel Angel Russo: noi, ci siamo.

Una vittoria che non solo arriva contro la formazione leader (fino ad allora) della Zona B, ma che per il risultato e il modo in cui arriva, mette a tacere un bel po’ di polemiche che avevano lasciato non pochi strascichi dopo la partita di Copa Argentina contro la formazione semi-professionista del Claypole, con una vittoria arrivata in rimonta da parte degli Xeneizes, ma che avevano visto la luce già dal pari contro il Sarmiento nel turno precedente.

Ci sono ancora dubbi dopo questo risultato tennistico? Beh, almeno elenchiamo i marcatori: Edwin Cardona, Sebastian Villa (doppietta), Gonzalo Maroni (doppietta), Carlos Tevez e Jorman Campuzano. Molta Colombia nel tabellino sì.

Il Vélez ne esce certamente ridimensionato -e anche tanto-, sarà in grado la formazione di Mauricio Pellegrino di reagire? Staremo a vedere, ah…il gol del momentaneo pari lo ha messo a segno per el Fortin Juan Martin Lucero.

Racing-Rosario Central 1-0

Dopo la sconfitta altisonante in SuperCopa Argentina la Academia finalmente riesce a vincere in questo torneo (ma non a convincere) facendolo grazie ad Enzo Copetti che di testa regala il primo successo nella competizione alla formazione del contestatissimo Juan Antonio Pizzi, successo che mancava dal 9 gennaio alla formazione di Avellaneda.

Un Rosario Central che invece continua il suo andamento abbastanza precario rispetto alle previsioni della vigilia, ma c’è tempo ancora per l’equipo canaya allenato da Kily Gonzalez.

River-Argentinos Juniors 0-1

La sorpresa della giornata: la banda de sangre stecca in casa contro las cebollitas di Gaby Milito (che tra l’altro ha così raggiunto il primo successo sulla panchina di La Paternal), una boccata d’aria fresca che conta più dei tre punti, visto l’avversario.

Già si sentono le pressioni in vista del SuperClasico, ancora di più poi dopo questo risultato nell’ambiente Millonario con inoltre la certezza dell’assenza pesante di Javier Pinola, per contro dall’altra parte non ci sarà Eduardo ‘El Toto’ Salvio.

La partita la risolve Gabriel Florentin nei minuti finali (un altro gol di pregevole fattura)

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.