Cos’ha rappresentato veramente Diego Armando Maradona?

29
diego armando maradona auguri

Chiedersi cos’ha rappresentato Diego Armando Maradona a livello calcistico è piuttosto semplice. Non banale, certo. Però insomma, tutti quelli che conoscono il calcio, saprebbero imbastire un discorso sul famoso numero 10. Pensando alla nostra “social-società”, diremmo che è facilissimo trovare l’ispirazione per cinguettare o twittare più su di lui che su altri. Voglio dire le qualità impressionanti, credo, ormai le conoscano tutti. Secondo me anche i millenial e le generazioni giovanissime. Ma è altrettanto facile aprire un dibattito su Diego Armando Maradona come uomo? Soprattutto senza cadere nel facile tranello della retorica moralistica?

Maradona morto

Lo vociferano dall’Argentina, perché queste notizie si sibilano appena, da tanto che fanno male:”Maradona è morto”. E bisogna pronunciarlo così, con l’accento calcato su quel cognome, che da solo fa nome, soprannome, ricordi, prodezze, colpi di testa, giocate, dribbling, fughe, polemiche, “stranezze”, vite spericolate, colpi di genio, feste, sorrisi, caviglie, gambe, baricentro, dribbling e insomma chi più ne ha ne metta. Il giornalista Buffa nel suo ultimo speciale a lui dedicatogli lo ha definito “Il Picasso del calcio” e d’altronde chi ha dipinto certe traiettorie e chi ha scolpito i cuori dei tifosi di calcio non poteva non meritarsi un onore simile.

Oggi, la sola notizia che il giocatore più forte del secolo possa davvero essere morto, riaccende i cuori di chi quell’uomo, nel bene o nel male l’ha vissuto. È una fiamma, però, amara e acre. Un lumino da chiesa, che gli porge l’ultimo improvviso e inaspettato salutato all’uomo che, diciamocelo tutto, ha cambiato la storia di questo sport.

Da stasera minimo mezzo mondo piangerà la sua dipartita. Per chi l’ha odiato e per chi l’ha amato.

Perché uno così puoi o detestarlo per come ti fa girare la testa in campo o lodarlo fino alla fine.

Purtroppo, la buona notizia dell’intervento riuscito di una rimozione di un versamento sanguigno è stata la classica falsa speranza.

Perché in questo anno di morte e tragedia, una notizia simile ci costringe a scongiurare l’avanzare ormai prossimo del 2021.

Eccola di nuovo lì la simpatica “Mano de dios” con cui avevi beffato l’Inghilterra. Eccola, Diego, che ti prende e ti porta via da questa Terra.

Diego Armando Maradona: leader del popolo

Eppure io credo, senza fallo, che il tuo vero valore come giocatore non sia mai stato colto realmente. Perché, non solo dal punto di vista tecnico, non c’è quasi nessun neo da francobollarti, ma anche da un punto di vista carismatico, non ti si può rimproverare niente.

Tu hai rappresentato uno di quei pochi giocatori che hanno avuto il coraggio di fare scelte di vita e di carriera che oggi nessuno farebbe. Mi spiego meglio.

Dagli Anni ’90 ad oggi il percorso di un giocatore di evidenti doti tecniche e realizzative è fatto di passi graduali e tappe quasi obbligatorie: esordio in una Primavera giovanile; a seguire poi l’approdo in prima squadra in un compagine che a volte lotta a metà classifica; quindi passaggio a una grande squadra; infine, nel pieno della carriera, l’approdo in una delle migliori d’Europa. Certo non è che per tutti accade così, ma la celerità con cui i giocatori (fra prestiti, bonus, riscatti e comproprietà) vanno via dalle squadre, a volte, anche in campionati di poco pregio, è impressionante.

Tu no!

Dopo aver indossato la maglia del Boca Junior sei stato notato dal Barcellona. E voglio dire il Barca o il Real sono due delle realtà più ricche e floride del nostro calcio. Sì, forse quel Barcellona non era così composto di campioni come oggi, ma pur sempre era una squadra gloriosa. Ci sei rimasto solo due anni (fra infortuni e malumori) e hai vinto una Coppa Nazionale. Poi, arriva, Ferlaino e ti chiama. Tu accetti la chiamata di una squadra che allora non era uno “squadrone” e di una città che, a quel tempo, era considerata fra le più povere d’Italia. Invero il campionato di Serie A era il più prestigioso del momento e forse più il ricco del mondo. Giocavano campioni di lusso e le squadre erano assai competitive.

Questo vuol dire che tu sapevi di intraprendere una sfida. Ma non sapevi se l’avresti vinta. Ecco questo è il valore umano e carismatico che ti riconosco: “Aver fatto una scelta”!

Averla portata fino in fondo, con tutti i rischi annessi (gettar alle ortiche anni di successi) e averla rispettata quasi fino alla fine. Con il Napoli e con l’Argentina. Perché anche l’Albiceleste non era considerata degna di vincere proprio niente nel 1986.

Poi arrivi tu, porti il morale alto. Fai giocare tutti a meraviglia. Porti allegria e fiducia. Trasmetti forza mentale. Come disse Ferrara: “Avevamo capito che non dovevamo solo battere la Juventus, il Milan e l’Inter, ma tutte le squadre“. Tu hai instillato gioia, forza e speranza in tutti quelli che giocavano in campo con te. Tu hai fato fare goal a giocatori che senza di te, forse, non avrebbero acquisito la fama che ancora oggi portano.

Hai deciso di fare il “Masaniello” di Napoli moderna. Anche se i primi anni non vincevi niente. Con la prima partita finita 3-1 per l’avversario e il primo campionato concluso da ottavi. Qualunque altro giocatore di oggi avrebbe preso le valigie e con il suo procuratore avrebbe cercato destinazione nelle squadre del Nord Italia o in quelle spagnole o in quelle di Premier League. Attratti da piogge di milioni di euro, contratti, premi e trofei. Tu, invece, non hai cercato mai tutto questo. Tu ti sei immolato per una causa: l’onore di Napoli. La gloria dell’Italia del Sud.

Hai vinto tu! Soltanto TU. Tutto da solo. Tu: uomo-squadra, uomo-spogliatoio, uomo-di Napoli, uomo della Nazione, tu-campione nelle partite. Uno di quelli che mettono la firma quando davvero serve: partite scudetto, finale mondiale e finale di Coppa Uefa.

Video Maradona

Sei stato uomo del popolo e del sogno impossibile. I video che più devono essere rivisti di te non sono le tue giocate (rabone, pallonetti, sombreri e dribbling rotanti), ma ciò che facevi per aumentare la stima negli altri. E allora mi riferisco ai banchetti in madre patria; agli scherzi negli spogliatoi; i discorsi davanti alla folla; le dichiarazioni sibilline; l’atteggiamento a petto in fuori in campo.

Cos’ha rappresentato Diego Armando Maradona?

Questo è ciò che di più prezioso “il pibe de oro” ci ha lasciato. Quel sapere diventare leader di un popolo calcistico: napoletano o argentino che sia. Dicevano di lui che quanto più gli davano poche possibilità di vincere e tanto più il suo fuoco vincente ardeva.

Oggi, come oggi, non esiste una figura calcistica così. Uno show-man che ha saputo portare l’ego smisurato di Maradona (non di Diego) al culmine fra le vie della sua città e con il suo popolo.

I social dei nostri fuoriclasse sono nulla in confronto a questo. Ed è un peccato che un’altra parte di se stesso l’abbia distrutto. Ma di questo non ne voglio parlare. Perché su questo tanto è già stato scritto e detto. E probabilmente di questo lui stesso si è pentito.

Non sto santificando Diego Armando Maradona, così ribelle, così imprevedibile, così “poco equilibrato” rispetto ad altri numeri 10 della storia. Sto solo dicendo che aver abbracciato il lato “povero” del calcio e averlo portato fin sulle stelle ancora oggi gli fa onore.

È per questa parte di Diego e non di Maradona che tutto il mondo del calcio oggi piange.

Perché come è stato scritto sui murales del mondo con lui abbiamo capito che “Dio esiste”.

Youth la Giovinezza

Vogliamo ricordarti così, come in una delle tue ultime apparizioni sul grande schermo.



Quei palleggi con una pallina da tennis sempre con il piede mancino in “Youth” di Sorrentino? Io stesso non volevo crederci a vedere come ancora lanciavi la sfera in alto e puntualmente quella stessa ti tornava verso la terra, come se una calamita irresistibile la rigettasse dal cielo. E poi tu, con solita maestria, la catturavi e la lanciavi nuovamente. Senza mai spostarti da quel punto, come se già sapessi che sul tuo collo mancino sarebbe tornata. Incredibile. Impressionante. Impensabile. Quasi contro le leggi della fisica.

Ma tu, sempre, anche in campo, andavi contro quelle leggi. Per cui, tutto sommato non c’è da stupirsi. Che poi, basta avere un po’ di capacità mnemonica, per far un confronto semplice semplice: un ragazzino che nei campi, altroché dissestati, di Villa Fiorito palleggiava con le arance, eseguendo lo stesso movimento coordinato alla perfezione. Come se non fossero trascorsi quasi 50 anni da quel video famoso. Come se in “Youth” la tua capacità di palleggio resti “evergreen“.

Diego Armando Maradona

Ripetiamocelo ancora una volta, calcisticamente parlando, l’unica cosa che mai ti si potrà rilevare come difetto è il poco uso del destro e infatti di goal tuoi con questo piede ne abbiamo visti pochi. Ma direi che, da quel che creavi alla Picasso o alla Dalì, l’altro piede bastava e avanza abbondantemente. Ma non mi riferisco soltanto a quei goal che almeno quattro generazioni hanno visto. Il mio orizzonte va anche a quel sottobosco geniale, spesso poco presente nei video, di organizzazione tattica, ripartenze rapide e “senza ostacoli”, nonché intuizioni fenomenali per mandar in porta i compagni.

Punizione Maradona contro la Juventus

Non c’è stato in te soltanto il colpo che resterà nella storia, come quell’Argentina-Inghilterra, dove lasciasti la metà campo per arrivare fino al dribbling della vittoria e al goal.

Non ti appartiene solamente la punizione contro la Juventus, calciata in modo impossibile dall’essere umano per balistica, fisica e per grado di difficoltà.

Così come non ti appartiene soltanto il celebre colpo da metà campo al volo contro il Verona.

Insomma, per quanto tu abbia segnato meno di altri grandi cannonieri odierni o del passato, la qualità e il valore delle tue giocate compensa i numeri inferiori. Tanto è vero che non vado nemmeno a snocciolare i dati effettivi. Che poi, attenzione, tu non sei mai stato il nostro 10 di oggi: o trequartista o seconda punta o “falso nueve”. Tu sei sempre stato quello che oggi potremmo definire un “tuttocampista” o fantasista: rappresentavi il vertice basso e quello alto della squadra; spesso riuscivi in posizione di ala a creare l’occasione giusta; oppure accompagnavi la prima punta e allora da trequartista avanzato segnavi; talvolta hai anche fatto il solo metronomo.

Insomma uno che in campo la differenza la sapevi fare e la cui posizione fissa non esisteva, perché prendevi palla, sgusciavi via e se nessuno ti fermava o mandavi in rete il compagno o siglavi tu il goal. Vedere per credere l’assist pazzesco della finale del Mondiale ’86. Marcato da tre tedeschi, sei riuscito a trovare con l’occhio e con il piatto sinistro il corridoio per mandare in porta Burruchaga. Insomma, la tua presenza sul terreno di gioco non si vedeva nel numero di reti segnate, ma nell’insieme di giocate fatte. Alcune, appunto, da lasciar lucidi anche tifosi e allenatori nemici.

 

 

 

Previous articleMotoGp Portogallo una finestra sul futuro
Next articleMaradona da mito a leggenda
Nato a Milano il 09/09/1984. Gestore content editor e piano editoriale del sito www.tifoblog.it. Come tutti i colleghi che scrivono in questo sito, noi ci proponiamo di fare del #tifogiornalismo senza tralasciare lo scoop e la notizia, ma interagendo con i tifosi. Collaboro per il sito www.milanoweekend.it - sezione Sport e per il sito www.casanapoli.net Nella vita studio e lavoro, perché non si finisce mai di imparare e coltivo una passione culturale sfrenata per arte, letteratura e poesia. Il mio motto è: a metà fra questo secolo e i precedenti con in testa di fare qualcosa che nessuno ha mai fatto!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.