Lazio-Inter – un passo indietro: migliori e peggiori dei nerazzurri

5
lazio inter

Lazio-Inter una delle classiche d’inverno del nostro campionato si è giocata ieri pomeriggio alle 15. Uno dei più seguiti posticipi serali, che si è adeguato a far spazio al big match, poi non giocato, Juventus-Napoli.

Andiamo a rivivere un po’ le fasi salienti del match, ricordandovi che anche ieri non c’era spettatori paganti.

Lazio-Inter biglietti

Indice dei contenuti

Se vuoi sapere tutto sul rimborso biglietti per l’anno calcistico 2019/20 ecco il nostro speciale.

Lazio-Inter: highlights

Finisce 1-1 una partita che poteva essere chiusa all’inizio della ripresa

Un Inter che con il 352 non ha cercato di dominare la partita ma ha puntato sui ritmi bassi per non innescare il contropiede laziale pericoloso. Ci aspettavamo una prova da gran squadra e forse un pochino siamo delusi oggi.

Dopo i primi minuti a corrente alternata ed un’occasione per Luis Alberto, è l’Inter a mostrare un certo predominio che la porta al vantaggio con la rete di Lautaro Martinez (al terzo centro consecutivo). Certo l’avversario di oggi è la Lazio ma è l’Inter a sciupare nella ripresa con Lukaku. Gol mangiato, gol subito.

La Lazio trova il pareggio con Milinkovic Savic e sarà la Lazio ad andare paradossalmente anche in vantaggio.

Inter che non sa approfittare del vantaggio numerico dopo l’espulsione di Immobile

Finisce anche l’Inter la partita una vivace partita in 10 dopo il rosso per Sensi.

In conclusione, Inter più sicura in difesa oggi in difesa con Skriniar che gioca bene sul versate destro. Attacco oggi poco convincente che soffre delle limitazioni imposte ad Hakimi dalla difesa laziale e dall’ennesima giornata NO di Perisic

Lazio-Inter pagelle

Handanovic – 5: Ottimo l’intervento su Luis Alberto nel primo tempo. In ritardo come reattività sul colpo di testa di Milinkovic-Savic

De Vrij – 6: Buona partita di normale amministrazione ma posizionamento non corretto sul gol laziale (vedi anche Bastoni)

Skriniar – 6.5: Ancora una gran bella prova convincente oggi in fase di chiusura. Tanta sicurezza come difensore di destra

Bastoni – 6:  Buona la prova di Bastoni e nel complesso buona la chimica del reparto difensivo dopo qualche brivido di troppo a Benevento. Peccato per il posizionamento della difesa in occasione del gol laziale

Hakimi – 6:  In leggero sottotono rispetto a Benevento ma è pur vero che la Lazio aveva pianificato le contromisure contro il nostro Rambo che nel secondo tempo è calato

Perisic – 5:  Tanti passaggi sbagliati. Uno azzeccato che porta al vantaggio ed una dormita vistosa sul pareggio della Lazio complici anche Bastoni e DeVrij

Barella – 6: buona partita di sostanza. Da trequartista oggi poteva fare qualcosa di più

Gagliardini – 5.5 passi indietro rispetto a Benevento. Non incide per niente sulla partita e subisce spesso la controffensiva della squadra romana

Young – 6: Bene e meglio di Perisic. Peccato sia entrato troppo tardi

Sensi – 4.5: Entra al 67′ minuto e si fa espellere dopo un ingenuità.

Vidal – 7:  migliore in campo. Ottimo anche oggi sia nella fase di impostazione che di interdizione

Lukaku – 5: Marcato a vista, marcato a uomo. Forse è mancato qualche cartellino giallo ma sbaglia il gol del 2-0 all’inizio del secondo tempo.

Sanchez – sv

Brozovic – 6: Entra senza incidere

Lautaro Martinez – 6.5: Voto che supera la sufficienza per il gol anche se non entra mai del tutto in partita.

Conte – 5: Due punti sprecati. Ancora sostituzioni tardive. Centrocampo troppo difensivo per tanti minuti

 

 

 

Previous articleJuve-Napoli: frittata all’italiana
Next articleChievo: scopriamo insieme Luca Palmiero
Nato a Milano il 09/09/1984. Gestore content editor e piano editoriale del sito www.tifoblog.it. Come tutti i colleghi che scrivono in questo sito, noi ci proponiamo di fare del #tifogiornalismo senza tralasciare lo scoop e la notizia, ma interagendo con i tifosi. Collaboro per il sito www.milanoweekend.it - sezione Sport e per il sito www.casanapoli.net Nella vita studio e lavoro, perché non si finisce mai di imparare e coltivo una passione culturale sfrenata per arte, letteratura e poesia. Il mio motto è: a metà fra questo secolo e i precedenti con in testa di fare qualcosa che nessuno ha mai fatto!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.