MotoGP – I voti di fine anno, il 2019 in pillole

434
Voti MotoGP 2019

Fine anno, diamo i voti da 10 a 0 ai protagonisti della MotoGP. Molti pari merito, ma citeremo solo colui che meglio rappresenta il voto. Fa specie vedere i due piloti Honda HRC agli antipodi, ma del resto li abbiamo visti così anche in pista.

Marc Marquez – Ottavo titolo iridato, il quarto consecutivo, per Marc Marquez che ha dominato la stagione. Un ritiro per il pilota iberico e solo primi e secondi posti con 420 punti conquistati. Una stagione perfetta per lo spagnolo. VOTO 10

Fabio Quartararo – Il Rooky of the Year è stata la vera sorpresa della stagione senza, però, riuscire ad ottenere la prima vittoria in carriera. Il quinto posto deriva da un inizio non semplice ma nella seconda parte di stagione ha dimostrato di essere un pilota di talento. In futuro vincerà il titolo iridato. VOTO 9

Jack Miller – La migliore stagione di Jack Miller che ha centrato i primi podi da quando milita in MotoGP. Il britannico è riuscito a guadagnarsi la riconferma sulla Ducati per la prossima stagione. VOTO 8

Andrea Dovizioso – Terzo piazzamento d’onore per il forlivese anche se in questa stagione il Dovi ha deluso un po’ le attese. Solo due vittorie con l’ultima che risale all’Austria. La prossima stagione dovrà obbligatoriamente fare il salto di qualità. VOTO 7

Maverick VinalesCome ogni anno cresce nella seconda parte del campionato. La Yamaha non lo ha aiutato con ben tre ritiri nelle prime sette gare. Due vittorie e una stagione in crescendo. VOTO 6

Danilo Petrucci – Esordio non semplice in Ducati per Danilo Petrucci con soli tre podi. L’unica nota positiva è la vittoria nel GP d’Italia davanti ai propri tifosi. Ha bisogno di un riscatto la prossima stagione. VOTO 5

Valentino Rossi – Per il Dottore non è stato un campionato semplice. Per la prima volta dopo diversi anni non è arrivato il podio con diversi quarti posti. VOTO 4

Francesco Bagnaia – Per ‘Pecco’ una stagione altalenante. Cinque ritiri nelle prime sette gare per Bagnaia con solo due volte nella top ten. Campionato da rookie non semplice per il talento italiano che è chiamato ad un riscatto nel 2020. VOTO 3

Andrea Iannone – Stagione molto difficile per l’abruzzese che ha chiuso solo una volta in sesta posizione. Ma l’Aprilia non ha permesso al pilota di esprimere le proprie potenzialità. VOTO 2

Hafizh SyahrinIl malese aveva guidato la Yamaha, difendendosi egregiamente. Con la KTM è sparito dai radar, finendo sempre a fine classifica. I munifici sponsor che lo hanno portato fino a qui, stanno iniziando a ripensarci, perché Hafizh è una vera e propria comparsa. Se appare. Che farà in futuro? Quel che è certo, dovrà imparare a girare il comando del gas, in fondo, ad un pilota professionista è richiesto principalmente questo. VOTO 1

Jorge Lorenzo – Ultima stagione da ‘incubo’ per il maiorchino che non ha mai raggiunto il decimo posto. Ci si aspettava un minimo di reazione da un pluricampione del mondo, invece ha gettato la spugna senza combattere. VOTO 0

Potrebbe interessarti >> MotoGP, Moto2 e Moto3, il pagellone di fine anno

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.