Napoli Chievo: punti persi per lo scudetto

305

Napoli brusca frenata e fa i conti con i vecchi problemi

Si riprende così come abbiamo lasciato due settimane fa sotto la pioggia ma questa volta il risultato è stato decisamente amaro. Nonostante l’arrivo di Ancelotti, che ha una filosofia di gestione del gruppo e tattica completamente diversa dal sui predecessori, riaffiorano i vecchi problemi. Ogni qual volta una squadra fa le barricate davanti alla porta si fa troppa fatica ad arrivare al gol ed a ora il distacco dalla capolista è aumentato con un preoccupante – 8 in classifica.

Oltre a questo non possiamo prescindere dagli 11 titolari. Le riserve non sempre si mostrano all’altezza e non possiamo permetterci, ad esempio, di tenere contemporaneamente in panchina Hamsik, Allan e Fabian Ruiz.

Il lusso di poter far girare tutta la rosa senza che il risultato non cambi lo ha, allo stato attuale, solo Allegri.

Cronaca della partita

Primo tempo

Il Chievo, fresco dell’avvicendamento in panchina tra Di Carlo ed il dimissionario Ventura, si presenta al San Paolo con la consapevolezza di chi non ha più nulla da perdere e parte col piglio giusto, non rischiando troppo coi padroni di casa.

I Gialloblu riescono in diversi occasioni ad arrivare davanti alla porta di Karnezis impensierendo la difesa azzurra.

L’unica vera occasione degna di nota del Napoli avviene alla fine del primo tempo dove, dopo una ripartenza da calcio d’angolo contro, gli attaccanti azzurri sprecano una superiorità numerica ed il tiro non eccezionale di Callejon esalta la reattività di Sorrentino.

Si va al riposo sullo 0 a 0.

Secondo tempo

Il Napoli parte decisamente meglio ed inizia l’assalto al fortino gialloblu. Al 59esimo entrano forze fresche Milik ed Allan per degli spenti Ounas e Diawara. Si inizia a macinare il gioco ed ad avere a disposizione decine di calci d’angoli. A metà del secondo tempo gran tiro d’Insigne e c’entra il palo a Sorrentino battuto. La porta del Chievo sembra stregata e quando alla fine del match una semirovesciata di Koulibaly finisce di nuovo sul palo è chiaro come andrà a finire la partita. Nonostante il forcing finale al 94esimo si è terminati a reti bianche. GAME OVER.

Al triplice fischio dell’arbitro Chiffi finisce la partita e cominciano le considerazioni ed i rimpianti.

La sensazione è quella che manca qualcuno che è in grado di risolvere la partita con un colpo di genio che con una sola giocata si riesca a sbrogliare la matassa. In a passato abbiamo avuto i vari Lavezzi, Cavani ed Higuain gli unici veri Top Player dell’era De Laurentiis.

In e Out della partita.

Lorenzi Insigne IN. Il folletto di Frattamaggiore è quello che si è reso più pericoloso degli azzurri. Se pur non ha trovato la giocata vincente, ed il palo a negargli la gioia del gol, si da fare e mette in apprensione la difesa veronese.

Kalidou Koulibaly IN. Nonostante qualche sbavatura in fase d’impostazione ad inizio partita il roccioso difensore è un ostacolo insormontabile per gli attaccanti avversari.

Carlo Ancelotti OUT. Si questa volta ha sbagliato può succedere. Se è pur vero che il turn over in altre occasioni ha funzionato questa volta l’ennesima formazione non ha prodotto molto e gli accorgimenti coi cambi sono sembrati un pò tardivi.

Amadou Diawara OUT. Si limita al compitino difende discretamente e non incide in fase di costruzione di gioco. In questa settimana si è parlato molto di lui ma deve iniziare a dimostrare sul campo di essere indispensabile per ritagliarsi più spazio. Più grinta e meno chiacchiere del suo procuratore.

Napolonia OUT. Si i 2 polacchi Zielinski e Milik hanno avuto una preoccupante involuzione in queste settimane. Devono ritornare a dare il loro apporto alla squadra come ad inizio stagione. La fiducia in loro non è illimitata ed è arrivato il momento di reagire.

Verso il Match con la Stella Rossa

Bisogna mettere alle spalle questa prestazione e mercoledì contro la Stella Rossa di Belgrado è l’occasione giusta. Conquistare il passaggio del turno in Champions è la giusta medicina per ritrovare entusiasmo indispensabile per noi azzurri.

Dopo una notte di riposo domani i giocatori dovranno avere la giusta concentrazione per farci vivere una notte da leoni.

#ForzaNapolisempre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.