Piatek Robocop: una macchina da gol per il Milan

351

Il Milan si gode Piatek: il bomber polacco segna un gol ogni 53 minuti. Decisivo anche nel match delicato di Bergamo che consolida il quarto posto.

In Serie A c’è un nuovo fenomeno

​L’addio di Gonzalo Higuain è ormai alle spalle.

Krysztof Piatek continua a segnare con costanza e a trascinare il Milan, ora quarto in classifica ed in piena zona Champions League dopo l’importante successo di Bergamo contro l’Atalanta.

E la media del polacco in rossonero continua ad alzarsi. Per l’ex Genoa sono sei gol in cinque partite con la maglia del Diavolo.

Il 26 gennaio l’esordio in rossonero: 18′ minuti contro il Napoli per prendere confidenza con i nuovi compagni.

Tre giorni dopo di nuovo gli azzurri, ma in Coppa Italia, e primi gol con la nuova maglia: subito una doppietta decisiva. Poi seguono i gol contro la Roma e il Cagliari.

Dulcis in fundu la doppietta decisiva contro l’Atalanta.

una media di una rete ogni poco meno di 53 minuti. Numeri da top player che non possono far altro che far sognare i tifosi del Milan.

Credo in me stesso, sempre, e so di poter segnare sempre.”

Queste le dichiarazioni del polacco nel post partita di Bergamo che mostra le idee chiare.

Non è facile andare sotto in casa dell’Atalanta e rimontare:  coraggio, impegno e carattere e il Milan ribalta il risultato con i valori tipici del suo allenatore, quel Gennaro Gattuso tanto grintoso e di cuore.

Proprio lo stesso cuore che Piatek getta in campo ad ogni partita.

Effetto Piatek

Senza dubbio il polacco è un attaccante di razza. Sente la porta come pochi e sotto porta è letale.

Ma non solo. Piatek ha mostrato grandi doti tecniche come nel gol spettacolare del pareggio di sabato.

Inoltre è bravo far salire la squadra, tiene la palla e gioca con i compagni anche sacrificandosi.

Soprattutto dal suo arrivo il Milan ha cambiato stile di gioco: è finito quel fraseggio inconcludente di passaggi orizzontali per lasciar posto a molte più verticalizzazioni continue in grado di far rendere al meglio il numero 19.

L’Effetto Piatek ha colpito anche i compagni: Bakayoko e Kessié hanno alzato notevolmente il loro rendimento anche grazie all’innesto di un altro nuovo giocatore che sta dando spettacolo, Paquetà.

Poi anche il reparto difensivo ha trovato una sicurezza e solidità.

Ora il Milan sembra un orchestra in cui gli strumenti sono in piena sintonia tra loro in cui a dirigere l’orchestra è proprio Gennaro Gattuso.

Obiettivo sorpasso

Lo stato di forma garantisce a tutti di sognare. Il terzo posto occupato dall’Inter non è più un miraggio lontano.

Il calendario dei rossoneri fino allo scontro diretto, ad oggi, appare più abbordabile. In ordine ci saranno gli scontri con Empoli e Sassuolo in casa, poi il Chievo in trasferta.

Tre gare agevoli che potrebbero permettere ai rossoneri di fare bottino pieno.

L’unico scoglio da non sottovalutare è l’impegno di Coppa Italia contro la Lazio, ma i biancocelesti non stanno vivendo un periodo positivo.

Importante sarà riuscire a portare a termine questo filotto di vittorie per poter arrivare al Derby nel massimo della forza e vendicare la partita dell’andata.

Forza Milan!

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.