Espugnato Stanford Bridge: il Valencia di Celades inizia a prender forma

235
Rodrigo Moreno segna il goal vittoria allo Stanford Bridge per il suo Valencia
Rodrigo Moreno segna il goal vittoria allo Stanford Bridge per il suo Valencia

Celades dalla sconfitta di Barcellona all’apoteosi di Stanford Bridge: anche questo è il Valencia

La partita del Camp Nou

A Barcellona il Valencia ha trovato una squadra con una condizione nettamente migliore e con i ragazzi terribili di Valverde pronti a punire ogni difficoltà difensiva dei murcielagos. Dopo pochi minuti Ansu Fati e De Jong avevano già fissato il risultato sul 2-0. Gameiro aveva riavvicinato i suoi ma nella ripresa Piqué e due volte Suarez hanno ampliato il divario prima del goal di Maxi Gómez, il primo con la maglia del Valencia in una partita ufficiale.

I Blues dopo Hazard

Willian durante Chelsea Valencia - UEFA Champions League
Willian durante Chelsea Valencia – UEFA Champions League

Nello stadio dei Blues, il Valencia va ad affrontare la squadra più difficile del girone di Champions League. Frank Lampard ha rilevato la squadra da Maurizio Sarri dopo la vittoria nella passata Europa League in finale contro l’Arsenal. I Blues dopo la cessione di Hazard al Real Madrid devono ritrovare le sicurezze, subito minate dalla sconfitta nella Supercoppa Europea ad Istanbul contro i Reds di Liverpool. Chi sta facendo molto bene è l’attaccante inglese Abraham, classe 1997, di ritorno dal prestito all’Aston Villa, che con 7 reti nella Premier League è il miglior marcatore assieme al Kun Aguero.

Chelsea – Valencia

Lampard arriva alla sfida dopo una bella vittoria contro il Wolverhampton di Cutrone. Si affida al 3-4-1-2 con Jorginho e Kovacic in mezzo a creare gioco, Willian e Mount (classe ’99 che gioca nell’under 21 dei tre Leoni) a svariare dietro al bomber Abraham.
Celades si copre con un 4-4-2 muscolare con Cilessen in porta, Gayà, Gabriel Paulista, Garay e Wass in difesa. In mezzo la velocità di Cheryshev, la qualità di Parejo e i muscoli di Kondogbia e Coquelin. Davanti Gameiro con Rodrigo Moreno libero di andare sull’out destro per non dare punti di riferimento alla difesa dei blues.

Rodrigo Moreno decide

Il primo tempo è di marca blues con Willian che mette in grande difficoltà la difesa dei murcielagos con diverse azioni pericolose. Azpilicueta sulla destra serve Abraham che spreca. Nella ripresa occasioni per Gameiro e per Alonso che calcia una punizione pericolosa. Capitan Parejo pennella una punizione perfetta che Rodrigo Moreno calcia al volo e porta in vantaggio il Valencia. Rigore per il Chelsea che però Barkley calcia sulla traversa dopo essersi imposto con Jorginho e Willian, rigoristi più quotati.
Ancora Alonso ci prova di punizione ma non c’è più tempo: il Valencia vince 1-0 a Stanford Bridge.

selfie Cheryshev
il selfie di Cheryshev dopo la vittoria allo Stanford Bridge

La sfida in casa contro il Leganés

Domani alle 16.00 il Valencia affronta gli ortolani del Leganés, che ancora non sono riusciti a fare un punto nella Liga 2019-20. La partita non è assolutamente da sottovalutare anche per l’eventuale stanchezza dovuta all’impegno di mercoledì in Champions League. Celades dovrà ruotare i suoi uomini per riuscire a sfruttare le caratteristiche di tutti i suoi ragazzi. Potrebbero trovare spazio Ferran Torres e Kang In Lee, finora poco impiegati, anche perchè il Presidente vuole vedere in campo i ragazzi della cantera.
Guedes sarà sicuramente nell’11 di Celades dopo avere visto i compagni giocare allo Stanford Bridge. Sarà una sfida in cui il Valencia dovrà fare grande attenzione perchè il pubblico del Mestalla si aspetta solo i 3 punti.
Tra i protagonisti sicuramente Maxi Gómez che cerca il primo goal in casa dopo avere suonato il primo squillo al Camp Nou.

Maxi Gomez: il Valencia vola

Gli highlights del match di Champions League

Immagini: Epa (Will Oliver) – Cheryshev (instagram) – Squawka.com

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.