Toffees contro Reds: il derby di Liverpool

4
Everton-Liverpool Premier League
Everton-Liverpool Premier League

Everton-Liverpool: il derby tra Toffees e Reds

Le due squadre di Liverpool arrivano al primo derby stagionale con umori diametralmente opposti. Da una parte l’Everton di Carlo Ancellotti primo in classifica a punteggio pieno, trascinato dai goal di Calvert Lewin e dalle giocate del ritrovato pistolero Rodriguez. Dall’altra gli uomini di Klopp fuori dalla EFL CUP per opera del Arsenal e umiliata nel ultima di campionato per 7-2 dall’Aston Villa. Recuperato Sadio Mane fermato dal Covid e con le voci maligne che vogliono la fine di un ciclo ormai logoro, Salah e compagni sono chiamati a respingere tutte le critiche sul campo.

Con queste premesse è partito il big match di giornata:

Formazioni Ufficiali Everton-Liverpool:

EVERTON (4-3-3): Pickford; Coleman, Mina, Keane, Digne; Doucouré, Allan, Gomes; Rodriguez, Calvert-Lewin, Richarlison.
LIVERPOOL (4-3-3): Adrian; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Henderson, Fabinho, Alcantara; Salah, Firmino, Mané.

Primo tempo Everton – Liverpool

Inizia il derby numero 237 e subito al secondo minuto Mané raccoglie un assist di Robertson è sigla la sua quarta rete in campionato. Squadra ospite più in palla con Coleman (sostituito poi alla mezz’ora per infortunio) in palese difficoltà sulla fascia di competenza, tutti da lì arrivano i maggiori pericoli. Ma i Reds perdono subito Van Dijk per una uscita rovinosa del portiere di casa e poco più tardi su calcio d’angolo di Rodriguez ne approfitta Keane di testa, secondo goal in questo inizio di Premier per l’ex United e partita tornata in equilibrio. Finisce in parità i primi quarantacinque minuti, dove ai punti meriterebbero più gli uomini di Klopp, bravo Pickford su un perfetto tiro da fuori area di Alexander Arnold.

Secondo tempo Everton – Liverpool

Si riaprono le ostilità con il Liverpool che mantiene il pallino del gioco costringendo Allan al centro del campo a diversi falli tattici per bloccarne le azioni. Ma al sessantesimo si sveglia l’Everton prima con Richarlison  che di testa colpisce un clamoroso palo e poi una buona risposta di Adrian su un velenoso rasoterra di Rodriguez, bloccano i ragazzi in maglia blu. Ma nel momento migliore dei Tofees, Salah in perfetta coordinazione riporta in vantaggio i campioni d’Inghilterra. Il Liverpool sembra indirizzato verso i tre punti prima Matip con un colpo di testa e poi ancora l’egiziano con un forte tiro si fanno ipnotizzare da Pickford. Ma a 9 minuti dal termine Calvin Lewin è lesto a raccogliere di testa un morbido cross di Digne per il più facile dei goal, fissando il risultato sul 2-2 finale, con la squadra di casa che rimane in 10 per espulsione di Richarlison.

Pareggio tutto sommato giusto con un punto che non fa male a nessuno. Ancelotti può ritenersi soddisfatto per la buona prova disputata dai suoi uomini. Un ottimo test contro una delle squadre più forti d’Europa, giocata alla pari che ha misurato la forza di Rodriguez e compagni. Dal altro canto invece Klopp oggi ha potuto finalmente ammirare per lunghi tratti la sua creatura che sembrava smarrita in questo inizio di stagione. Si è rivista la solita intensità e precisione di gioco tipica dei reds che l’ha fatto apprezzare in campo internazionale. La Premier è ancora lunga e il risultato di 2-2 è un monito per tutte le altre pretendenti al titolo che: Liverpool e Everton ne giocheranno un ruolo da protagoniste.

Immagine: Keystone

I Toffees di Ancelotti: scopriamo il nuovo Everton

Liverpool: trent’anni di attesa but you’ve never been alone

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.