F1 – Grosjean miracolato in Bahrein

37

Grande spavento durante il primo giro nel Gran Premio del Bahrein per Roman Grosjean. I numerosi miglioramenti per la sicurezza hanno salvato la vita al pilota francese.

Il primo appuntamento in Bahrein non resterà certo nelle menti degli appassionati per l’ennesima vittoria di Lewis Hamilton, solito dominatore incontrastato, ma per ciò che è successo durante il primo giro della gara.

Nel fondo del gruppo la Haas di Romain Grosjean taglia la pista a Daniil Kvyat, le due monoposto vengono a contatto e la #8 del pilota francese si schianta frontalmente contro il guard rail di protezione.

La monoposto si spezza in due, la parte anteriore sfonda la barriera e la benzina fuoriuscita causa un rogo pazzesco.

Passano secondi interminabili, arriva la Medical Car, tentano di utilizzare l’estintore, ma il calore non consente ai commissari di avvicinarsi abbastanza.

Fortunatamente dopo 20 secondi si vede un movimento tra le fiamme. E’ Grosjean che, rimasto cosciente dopo l’impatto, è riuscito a divincolarsi da quel inferno.

Viene aiutato ad uscire, un grandissimo spavento, ma il peggio è scongiurato.

In seguito viene portato in ospedale con l’elicottero. Sembra un miracolo, questa volta è andata bene.

L’incidente di Grosjean ha fatto passare decisamente in secondo piano ciò che è successo durante la gara. A dire la verità una gara abbastanza noiosa. Da segnalare un cappottamento di Lance Stroll, anche lui a contatto con Daniil Kvyat.

Gara difficile per Valtteri Bottas, soltanto 8° al traguardo. Colpaccio sfiorato per Sergio Perez, in 3a posizione fino ad una manciata di curve dalla fine. Motore Mercedes in fiamme per la sua Racing Point, regalando di fatto il podio ad un radioso Alex Albon.

Male, malissimo le Ferrari. Soltanto 10° Charles Leclerc al traguardo.

Domenica si correrà di nuovo nello stesso circuito, ma con un layout diverso. Ci auguriamo che anche la gara possa offrire qualche spunto diverso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.