Auguri a Remo Freuler: il gregario che ha conquistato Bergamo

29
remo freuler

Remo Freuler: nato 15 aprile, 28 anni: una vita per Atalanta

In un momento, come quello del mese di marzo, dove tutti i nostri occhi hanno visto immagini spaventose (come dimenticare le forza militari che portano via le bare di morti per Covid fuori dalla Regione), ecco, almeno per oggi, un piccolo momento di giubilo.

E’ nato, infatti, ventotto anni fa, Remo Freuler. Esattamente a Ennenda, paesino dalle parti di Glarona e San Gallo, quindi in Svizzera. Giocatore ormai nel cuore dei bergamaschi e pietra umile della squadra-sorpresa guidata dal Gasp.

Lui, che è arrivato a Bergamo nel lontano 2016 e poi, stagione dopo stagione, ha saputo rendersi indispensabile. Da gregario, con poche presenze a titolare intoccabile. Anzi inamovibile. A volte insostituibile. Nel tempo ha saputo convivere con Cristante, De Roon, Kessié e Carmona. Partito da appena arrivato, quindi con sole 6 presenze e una rete nel gennaio del 2016, ha lavorato sodo ed è diventato un must irrinunciabile per il Gasp.

Remo Freuler: carriera e statistiche

Ma prima di vedere cos’è accaduto nel percorso straordinario di Bergamo, torniamo indietro. Remo Freuler inizia a giocare nella Primavera della squadra locale del Winthertur. Al suo primo anno si porta a casa 10 gettoni e segna 2 goal. Nello stesso anno passa in prima squadra e si fa vedere con altre due presenze.

A questo punto a comprarlo è il Grasshopers Primavera. Qui comincia a farsi conoscere come centrocampista con discrete qualità. Trova continuità con ben 24 presenze e 8 reti. Sarà lo score (finora) più redditizio. A questo punto viene inserito nel Grasshopers Prima Squadra per la SuperLeague svizzera del biennio 2010-12.

A metà del 2012, specificamente nel periodo invernale, torna al Winterhur per due anni. Fino al 2014. Colleziona un totale di 74 presenze e 9 goal, Coppa Nazionale compresa. Insomma da ragazzino a qualcosa in più.

A questo punto, sempre in Svizzera, disputa la Challenge League svizzera con il Lucerna. Dal 2014 all’inverno del 2016. Con il Lucerna colleziona, da titolare, 72 presenze e 9 reti. Torna alto la casella più nelle segnature con 7 goal nell’anno 2014-15.

Remo Freuler: stats dei quattro anno bergamaschi

Ed è a questo punto che giunge dalle parti della Val Seriana. Il suo primo anno è, come detto prima, sottovoce. Solo sei apparizioni. Il goal è nella giornata di Napoli-Atalanta. 

E’ l’inizio di un’amore fra l’elvetico e la città collinare.

L’anno dopo Freuler è lì già saldo a centrocampo e per lui si registrano 33 presenze e 5 reti. L’anno dopo due presenze in più e pari bottino di goal. C’è anche il primo goal nell’Europa League, sorprendente dell’EuroAtalanta del Gasp. 

A questo punto inizia, da punto fermo saldo e immancabile, il percorso insieme a Gomez e compagni che lo porterà al grande percorso internazionale. Nell’anno 2018-19, quello della qualificazione Champions, Remo Freuler gioca 35 sfide e segna due volte.

Quest’anno, quello della stagione più bella, con quell’indimenticabile 4-1 al Valencia, lo svizzero è punto fermo della mediana bergamasca: 20 presenze e 2 reti. In tutto per ora sono 159 gettoni e 17 goal. A cui si aggiungono 10 assist. 

Ma il goal forse più bella della sua carriera, ad oggi, resta quel bolide da fuori area con cui spiazza il portiere valenciano. E’ l’inizio del 4-1 che porta la Bergamasca a un sogno impensabile. E’ la notte di San Siro. E’ il suo primo goal ufficial in Champions League.

Sogno, interrotto, per ora per la crisi Coronavirus, su cui vi stiamo aggiornando sempre.  

Remo Freuler: caratteristiche tattiche e tecniche

Remo Freuler è un mediano, tipicamente moderno. Bravo in fase di interdizione e lucido in fase di costruzione. Aggiunge a questo una corsa infaticabile e talvolta, come dicono le statistiche, più che un valido inserimento in zona goal. Ha discrete doti balistiche e spesso dai 20 o 25 metri sa rendersi pericoloso. Altresì può essere molto utile, come assist man, sotto rete.

Da evidenziare anche la sua duttilità tattica. Può porsi da mezzala nel centrocampo a 3 e può proporsi da centrocampista semplice nel più ampio 3-5-2.

Evidenziazioni che hanno attratto l’interesse anche dei fanta-allenatori.

Remo freuler: fantacalcio – un’ottima media

Il gregario svizzero ha conquistato l’affetto dei fanta-allenatori per alcuni validi motivi. A tal punto che da centrocampista low cost sui 5 o 6 fantamilioni è arrivato a valere almeno 20 fantamln.

In particolare di lui si apprezzano:

  • media voto 6.05 nelle pagelle nazionali
  • fanta-media voto pari a 6.5
  • media goal stagionali pari a 5
  • media assist stagionali
  • una sola espulsione in 4 anni di A
  • media assist nell’anno 3
  • 15 ammonizioni in 4 anni

Freuler in Nazionale: carriera

Nella squadra nazionale elvetica Freuler arriva con la convocazione dell’Under-21 in Germania-Svizzera del 22 marzo 2013.

Solo nel 2017 giunge la convocazione con la Nazionale maggiore in Svizzera-Lettonia, valevole per la qualificazione ai Mondiali del 2018. Finisce 1-0 per gli elvetici. L’anno dopo arriva alla rassegna russa, ma non gioca mai.

Il 26 marzo 2019 segna il primo goal in Nazionale nel 3-3 contro la Danimarca.

 

Previous articleTutti i record di Lebron James
Next articleCiao, Franco…
Nato a Milano il 09/09/1984. Gestore content editor e piano editoriale del sito www.tifoblog.it. Come tutti i colleghi che scrivono in questo sito, noi ci proponiamo di fare del #tifogiornalismo senza tralasciare lo scoop e la notizia, ma interagendo con i tifosi. Collaboro per il sito www.milanoweekend.it - sezione Sport e per il sito www.casanapoli.net Nella vita studio e lavoro, perché non si finisce mai di imparare e coltivo una passione culturale sfrenata per arte, letteratura e poesia. Il mio motto è: a metà fra questo secolo e i precedenti con in testa di fare qualcosa che nessuno ha mai fatto!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.