Daam Foulon un funambolo per la strega

6
Daam Foulon Benevento
Daam Foulon Benevento

Daam Foulon è il nuovo acquisto del Benevento

Daam Foulon: carriera e caratteristiche tecniche

Daam Foulon è un terzino sinistro nato il 23 marzo 1999 a Malines. Cresciuto nelle giovanili del Anderlech, ha giocato nelle varie rappresentative giovanili della sua nazione con una presenza anche in Under21. Si consacra nella Jupier League con la maglia del Waaslan Beveren nel ultima stagione con 30 presenze e 0 reti. Attirando le attenzioni del ds sannita Foggia, che lo porta a Benevento acquistandolo a titolo definitivo per 500 mila euro facendogli firmare un contratto di tre anni. Uomo tutta fascia che spesso si affaccia nella metà campo avversaria, veloce e rapido, fa del dribbling una delle sue armi maggiori. Ama saltare l’uomo e crossare per l’accorrente compagno, dotato di precisione nel tiro è anche un abile tiratore di punizioni. Questa sua propensione sopperisce alla scarsa lucidità sotto porta, portandolo a fornire innumerevoli assist. In fase difensiva si disimpegna molto bene nella marcatura dimostrando forza e gamba.

Daam Foulon nello scacchiere di Inzaghi

Foulon arriva nel nostro campionato con grandi aspettative, anche se una squadra come l’Anderlecht lo abbia fatto partire così presto, qualche punto interrogativo persiste. In Belgio nazione che sta sfornando negli ultimi anni talenti a ripetizione, tanto da essere prima nel Ranking FIFA, è considerato una giovane promessa. Ma la serie A non è il campionato belga e questo è risaputo. Qualità e livello tattico sono senza paragoni, dove le caratteristiche del ex Beveren potrebbero trovare difficoltà di fronte ad avversari molto più forti da quelli affrontati in patria. La giovane età e la scarsa esperienza a livello internazionale non sono a suo favore. Ma il difensore ha personalità ed Inzaghi sembra avere fiducia in lui. Nella prima uscita dei giallorossi vinta per 2-1 sulla Reggina, è stato schierato dal primo minuto fornendo il cross per il momentaneo pareggio di Moncini. Nelle gerarchie del tecnico parte come vice Letizia, inamovibile sulla sinistra. Ma come nel amichevole contro i calabresi Letizia può essere schierato anche a destra, rimanendo di fatto in ballottaggio con Cristian Maggio ormai giunto alla veneranda età di 38 anni. Tutto ora sta nelle mani dell’ex attaccante del Milan, fargli fare il grande passo senza correre il rischio di bruciarlo.

Lapadula al Benevento: gran colpo per Pippo Inzaghi

Benevento: la favola giallorossa dell’era moderna e il ritorno delle Streghe: quali sono gli uomini della promozione?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.