Gianluca Mancini: la scoperta di Fonseca che piace ai tifosi

132
gianluca mancini

Gianluca Mancini nato il 17 aprile 1996 a Pontedera è un prodotto italiano tutto da scoprire

Mancini. caratteristiche e carriera

Gianluca Mancini cresce nel settore giovanile della Fiorentina e gioca le sue prime amichevoli in A con la Viola. Per lui il dato interessante nel 2013/14 di 13 presenze e 2 goal.

Gli esordi nel calcio che conta iniziano con la serie B e precisamente con il Perugia nella stagione 2015/16. Dove resta per una stagione e mezza con 31 presenze, un goal e soprattutto 5 ammonizioni soltanto.

Ma il suo esordio in A è invece con l’Atalanta nella stagione successiva. A Bergamo gioca nelle stagioni 2017/18 e 2018/19 con ottima continuità e dati davvero interessanti: 48 presenze complessive, fra coppe e serie A, 7 reti, un assist, 10 ammonizioni e una sola espulsione per doppio giallo.

Preso in prestito proprio dall’Atalanta, sarà lui la nuova scommessa della Roma. La Lupa lo acquista con il prestito biennale con obbligo di riscatto per una cifra pattuita intorno ai 22 milioni di euro, con diluizione del pagamento: 2 all’acquisto e 19 per la riscossione ufficiale.

In realtà la base dell’accordo prevede una cifra fissa di 13 milioni al conseguimento di determinate situazioni sportive più altri 8 in bonus collegati alle prestazioni della squadra e del giocatore. In più in caso di vendita nel periodo biennale del giocatore a un’altra squadra, l’Atalanta percepirà un 10% di quota.

Già dalla seconda partita di campionato viene schierato, nell’ormai classico modulo di Fonseca che vede la difesa a quattro, come titolare per tutte quelle successive tranne che per la quinta giornata, dopo aver ricevuto un rosso durante l’incontro con il Bologna. Un giocatore molto aggressivo e abile nel gioco aereo, bravo anche negli anticipi.

Nato nel 1996, alto 1.90 e originario di Pontedera, Gianluca Mancini diventa il nuovo difensore centrale della Roma, con la speranza di mettere riparo, insieme a Smalling, alla dolorosa cessione di Kostas Manolas al Napoli.

Mancini nella Roma: l’esordio

Prima partita da titolare per Mancini è il derby di Roma, dove prende posto accanto a Fazio sostituendo Juan Jesus: all’inizio è stato abbastanza faticoso adattarsi a questo nuovo modulo per il nostro numero 23, essendo abituato a giocare nella difesa a tre.

Perché Mancini ha scelto la maglia numero 23?

Interessante la scelta del numero 23, per la quale si ispirò al suo idolo Marco Materazzi, anche se il suo primo pensiero nel momento in cui scelse questo numero in giallorosso andò a Davide Astori, che indossò quella stessa maglia nella stagione 2014/15.
Da poco dopo l’inizio del campionato Mancini comincia ad ispirarci molta fiducia, vedendolo giocare discretamente in quasi tutte le partite, tanto che Fonseca decide di trasformarlo in centrocampista,soprattutto per via degli innumerevoli infortunati, per la partita in Europa contro il Borussia, e si può dire che l’esperimento sia andato decisamente a buon fine, tanto da schierarlo ancora come mediano titolare contro il Milan, continuando ad ottenere eccellenti risultati.

Mancini infortunio

Gianluca Mancini recentemente s’è infortunato poco prima della sfida contro la Bosnia.  Fortunatamente sembra non essere nulla di grave e si assicura il suo rientro alla ripresa del campionato.

Mancini: caratteristiche tattiche e tecniche

Gianluca Mancini nasce originariamente come terzino destro. La sua posizione tattica si configura anche come centrale difensivo. E l’ha fatto con ottimi risultati giocando con l’Atalanta nella difesa a tre di Gasperini.

Arrivato a Trigoria, nel corso della stagione Mancini ha assunto una posizione davvero fondamentale nella squadra, anche dimostrando di poter ricoprire un diverso ruolo, tanto da far credere e sperare a noi tifosi romanisti di aver trovato un nuovo punto di forza nella nostra Roma. Possiamo dire che sia andato oltre ogni aspettativa.

Il nuovo ruolo è molto moderno:  simile al difensore che avanza il proprio baricentro dalla fase difensiva. Sul modello di un Bonucci, un Tudor, un Thiago Silva.

L’attesa dei tifosi

Al Roma club Milano aspettiamo con ansia la ripresa del campionato, che vedrà come prima partita per la nostra Roma quella con l’Hellas Verona, anche per l’attesissimo rientro di Pellegrini e Mkhitaryan, sperando che questa stagione prosegua per il meglio.

A cura di Nicole Paltrinieri

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.