A Sevilla ultima delusione per il Valencia

43
Gameiro Valencia
Gameiro Valencia

A Sevilla il Valencia chiude la stagione senza Europa

Il Valencia non c’è l’ha fatta. Reguilón fa partire un tiro a giro dopo un presunto fallo su Daniel Wass e manda il Siviglia in paradiso. Gli andalusi erano già sicuri della Champions League ma non volevano sfigurare all’ultima partita al Sanchez Pizjuan. Il Valencia non riesce a impensierire il Siviglia che ha anche l’obiettivo Europa League.

Guedes il più pericoloso

Il tiro più pericoloso del Valencia arriva da Gonzalo Guedes che fa partire un missile da fuori area salvo poi uscire per infortunio. Nella ripresa palo di Munir per gli andalusi prima del goal di Reguilón. Ci provano Kondogbia e Gameiro ma nulla da fare, il Siviglia finisce al terzo posto con l’Atlético Madrid, per il Valencia un amaro nono posto a soli 3 punti dal Granada che è entrato in Europa League all’ultimo sospiro superando il Getafe.

Il prepartita di Sevilla-Valencia

Il Valencia tentava l’impresa finale. Sapevamo che sarebbe stato molto difficile centrare l’Europa League ma potrebbe esserci un ripescaggio se la Real Sociedad batte l’Athletic Bilbao in finale. Il Voro ci crede e schiererà la miglior formazione pur dando spazio a chi ha giocato meno come Thierry Correia che ha finalmente potuto partire da titolare assieme a Kang In Lee nella sfida contro l’Espanyol.

 

convocati Sevilla Valencia
convocati Sevilla Valencia

Il Voro ci ha abituati a una formazione a sorpresa, vediamo cosa si inventerà questa volta. Alla vigilia sembrava probabile Guerrero a sinistra, convocati anche Javi Jiménez e Koba Lein.
Coquelin, Gayà, Rodrigo Moreno e Piccini sempre fuori causa. Jaume Costa squalificato.

Il Valencia batte l’Espanyol e sogna l’Europa League

Il Valencia batte 1-0 l’Espanyol con rete di Gameiro su assist di Ferran Torres. Catalani molto pericolosi seppur retrocessi che colpiscono due pali e provocano l’espulsione di Jaume Costa nei minuti finali. Anche un goal annullato all’Espanyol. Il Valencia, nonostante tutto riesce a vincere la partita e spera ancora nell’Europa League.

La formazione del Valencia contro l’Espanyol

Voro è fedele al 4-4-2 che ha sempre utilizzato negli anni. Parte Cilessen in porta.
In difesa a sorpresa il Voro ha rilanciato Thierry Correia a destra, difesa centrale con Diakhaby e Hugo Guillamon, sulla sinistra Jaume Costa.
In mezzo largo a Ferran Torres, Carlos Soler, Kondogbia e Guedes. Per la prima volta Capitan Parejo si siede in panchina dopo il nervosismo di Leganés.
Davanti Gameiro affiancato da Kang In Lee, finalmente una chance per il coreano.

Nella ripresa ecco Florenzi e Gabriel Paulista in difesa, Cheryshev e Coquelin a dare fiato in mezzo e Maxi Gomez davanti per far salire la squadra.

Il prepartita di Valencia-Espanyol

Il prepartita del match era stato difficilissimo. Il Presidente Lim voleva vendere la società, il Manchester City aveva quasi chiuso l’accordo per Ferran Torres, lo spogliatoio sembrava una polveriera dopo la notizia che Parejo, Kondogbia e Coquelin non sarebbero stati rinnovati per il prossimo anno.

Il caso Vallejo e i convocati del Valencia per il match contro l’Espanyol

Mancano Manu Vallejo, Rodrigo Moreno, Piccini e Gayà infortunati. Curioso il caso di Manuel Vallejo che non è sceso in campo contro il Leganés per una sospetta gastroenterite e per il protocollo della Liga deve restare lontano dagli altri calciatori. Per questo motivo risulta ancora ricoverato a Madrid in attesa del secondo test Covid. Il primo ha dato risultato negativo.

Ecco i convocati dal Voro:

 

 

convocati Valencia-Espanyol
convocati Valencia-Espanyol

Pesanti critiche dopo la sconfitta a Leganés

Jaume Domenech - Leganés-Valencia
Jaume Domenech – Leganés-Valencia

Il Valencia esce sconfitto a Leganés grazie a un super Ivan Cuellar che para il calcio di rigore a Parejo. Anche il Leganés era passato in vantaggio con un rigore di Rubén Pérez del Marmol. Il Valencia le ha tentate tutte soprattutto dopo l’espulsione di Jonathan Silva che ha lasciato il Leganés in 10 ma tutte le soluzioni tentate dal Voro sono risultate inefficaci e gli ortolani hanno portato a casa 3 punti fondamentali per la salvezza.

gli 11 titolari del Valencia - Leganés Valencia
gli 11 titolari del Valencia – Leganés Valencia

Foto: Valencia cf

Valencia-Valladolid: Kang In Lee fa esplodere il Mestalla

Il Valencia torna alla vittoria e lo fa nel modo più bello, con il suo enfant-prodige coreano, 19 anni, pallone d’oro all’ultimo mondiale under 20. Il Valencia era passato in vantaggio con Maxi Gomez ma aveva subito la rimonta del Real Valladolid con Victor Garcia. Serve una magia del ragazzo di Incheon, non lontano da Seul, per regalare i primi 3 punti della nuova era Voro. Finalmente il Valencia rifiata e gioisce dopo una settimana tribolata con le incaute dichiarazioni della figlia del Presidente Lim che ha dichiarato che “il Valencia è di loro proprietà e fanno quello che vogliono”.

Kang In Lee Valencia
Kang In Lee Valencia

Valencia-Valladolid: il prepartita

Il Valencia cercava i 3 punti contro il Real Valladolid stasera alle 19.30 al Mestalla. L’avversario potrebbe rivelarsi abbordabile ma il Voro avvisa sulla forza difensiva dei vallisoletani.

Tra i convocati ecco Jaume Costa e Ferran Torres. Il primo è uscito a metà della sfida con il Granada per un colpo forte. Ferran era stato assente contro gli andalusi e sembra recuperato. Restava da capire anche chi giocherà in attacco dopo le buone prestazioni di Guedes sull’out destro.

convocati Valencia - Valladolid
convocati Valencia – Valladolid

Probabili formazioni Valencia – Real Valladolid

Ecco le probabili formazioni. In difesa l’unico sicuro è Paulista. Definita la mediana con il rientro di Kondogbia e Guedes dal primo minuto. Davanti era probabile che partisse dall’inizio Manu Vallejo che aveva segnato a Granada con Maxi Gomez che torna titolare.

Nel Real Valladolid attenzione agli attaccanti Guardiola e Unal che sono molto pericolosi. Ecco le probabili formazioni:

Valencia CF: Cilessen; Jaume Costa, Diakhaby, Gabriel Paulista, Florenzi; Guedes, Kondogbia, Parejo, Carlos Soler; Manu Vallejo, Maxi Gomez

Real Valladolid: Masip; Antonito, Kiko Olivas, Fernandez, Nacho; Waldo, Alcaraz, Toni Villa; Sergi Guardiola, Enes Unal

Guedes illumina il Valencia: 2-2 a Granada

Il Valencia sfidava il Granada che ha vinto l’ultimo match contro l’Alavés per 2-0 e aveva raggiunto i blanquinegres in classifica.

Il Voro dovrebbe provare con il solito 4-4-2 con Cilessen in porta, Wass (o Florenzi) a destra, in mezzo Mangala e Gabriel Paulista (pronti Guillamon e Diakhaby), a sinistra Jaume Costa che sostituisce l’infortunato Gayà. In mezzo probabili Parejo, Coquelin, Soler e Guedes con Kongogbia, Cheryshev e soprattutto Lee Kang In pronti a subentrare.
Davanti Maxi Gomez e Gameiro dovrebbero essere la coppia d’attacco iniziale, con la possibilità di schierare Ruben Sobrino, Manu Vallejo o Guedes davanti per dare fiato all’uruguaiano o al francese. Diretta su DAZN h. 22.00.

Granada-Valencia: la cronaca

Rispetto alla formazione indicata Cheryshev parte titolare per Guedes e a sorpresa c’è Manu Vallejo al posto di Gameiro. Dopo un primo tempo sonnolento, un rigore per il Granada sblocca il risultato. E’ proprio il canterano Manu Vallejo a riequilibrare il match.

Si sveglia Guedes che esplode un siluro da fuori area per il vantaggio del Valencia. Ancora su calcio piazzato arriva il 2-2 del Granada perchè la barriera si apre sul tiro sul primo palo del 2-2. Cilessen non può arrivarci.

Si è osservato un Valencia migliore, soprattutto nella ripresa con i cambi effettuati dal Voro. A fine primo tempo occasione per Guerrero per Jaume Costa che risente di una botta presa sul finale della frazione. In attacco entrano Sobrino e Gomez che si fanno ricordare per l’errore in barriera. In mezzo ecco Guedes, man of the match per il Valencia e sul finale Kondogbia per Capitan Parejo che diventa capitano per qualche minuto. Prossimo match Valencia-Valladolid contro una squadra già salva che ha vinto proprio oggi.

I convocati dal Voro:  Ferran e Rodrigo out per infortunio

Ecco la lista dei convocati del Voro. Out Ferran Torres per un risentimento al muscolo della gamba destra. Più grave l’infortunio di Rodrigo Moreno contro l’Athletic. Il Valencia cf ha comunicato che l’attaccante hispano-brasiliano ha la rottura del legamento collaterale del ginocchio destro. Potrebbe avere terminato la stagione.

convocati Granada-Valencia
convocati Granada-Valencia

Voro…sempre Voro, il traghettatore nelle ultime 6 giornate

É notizia di una settimana fa che Albert Celades, che aveva sostituito Marcelino il 14 settembre 2019, non è più l’allenatore del Valencia cf.

Gràcies Marcelino. Celades: non ho paura

Una traiettoria non semplice per l’allenatore nato a Barcellona 45 anni fa. Infatti i tifosi non gli hanno mai riservato grandi entusiasmi per le sonore sconfitte in casa degli ultimi tempi come quella con il Getafe e la roboante eliminazione in Champions League.

Il Valencia in Liga

Dalla ripresa del lockdown il Valencia non è riuscito ad esprimere il proprio livello. Infatti dopo l’illusione contro il Levante con il pareggio dei granotas sullo scadere, c’è stata la brutta sconfitta di Madrid contro i blancos. Sicuramente il var ha dato una mano al Real Madrid con l’annullamento del goal di Rodrigo Moreno, ma la squadra è crollata nella ripresa pur avendo a disposizione praticamente tutta la rosa ad eccezione di Garay.

Diakhaby rovina il sogno del Valencia

Subito dopo, ecco la bella vittoria contro l’Osasuna, rovinata però dalla doppia sconfitta contro Eibar e Villareal nel derby della Comunidad Valenciana.

La mancata crescita dei giovani

Un altro rimprovero che si muove a Celades è non avere valorizzato abbastanza i giovani. Eppure Ferran Torres è diventato tra i migliori giovani al mondo, inseguito anche dalla Juventus. Gayà e Soler, già punti fermi con Marcelino, sono stati confermati da Celades. Hugo Guillamon, dopo le sciagurate prestazioni di Diakhaby, è diventato punto fermo della difesa. Si tratta di un classe 2000, 20 anni, acclamato dal pubblico valencianista.

Super Ferrán Torres: la settimana perfetta del Valencia

Ma uno dei rimproveri è non esser riuscito a gestire Kang In Lee, talento coreano, spesso in panchina e senza vere chances, che addirittura è stato espulso due volte quest’anno.

Torna il Voro

Voro Valencia
Voro Valencia

Ancora una volta è il Voro a prendere in mano la squadra nelle ultime 6 giornate. Aveva già sostituito Prandelli nel 2017, guidando la squadra fino a fine anno con ottimi risultati. É un normalizzatore, che piace alla società, ai tifosi e ai senatori della squadra come Capitan Parejo. Il Valencia non ha un calendario impossibile ma già da qualche giornata prima della fine si è capito che entrare in Champions League sarebbe stato un miraggio.

Da Valencia si dice…Il Voro sfida el Cholo

Infatti la classifica per il sesto posto recita: Real Sociedad 55, Getafe 54, Granada e Valencia 53, Athletic Bilbao e Osasuna 51.

Il calendario del Valencia

L’Europa League sarebbe già un miracolo per il Valencia cf. Infatti i murcielagos devono giocare contro il Sevilla, squadra d’alta classifica al Sanchez Pizjuan. Non sarà facile fare punti ma se il Voro riesce a compattare la squadra, il Valencia può raggiungere ogni risultato.

Valencia-Athletic Bilbao

Si partiva dalla bella sfida contro i leoni di Bilbao. Voro aveva convocato 18 giocatori all’insegna della continuità. Molto probabile lo schema 4-4-2 che ha sempre utilizzato con il Valencia.

convocati Valencia Athletic-Bilbao
convocati Valencia Athletic-Bilbao

Il dominatore di questa sfida è stato Raul Garcia che con una doppietta ha steso i murciélagos in grave crisi di risultati e continuità. Si notano anche errori a centrocampo in impostazione oltre che in difesa, imperdonabili per una squadra che vuole giocarsi il posto in Europa League.

Segui con noi la Liga su Tifoblog con tutti gli aggiornamenti

Tutte le news sul Valencia su Tifoblog

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.